Sputi contro la vetrina di Sorcinelli a Mondolfo, nel mirino finisce lo stilista dei Papi

Martedì 14 Dicembre 2021 di Jacopo Zuccari
Sorcinelli al lavoro

MONDOLFO - Alcuni mesi fa aveva deciso di sospendere il profilo social personale. Esasperato anche dagli insulti e dalle lettere di minacce che gli erano già state recapitate e ieri un nuovo affronto personale contro la nuova boutique di via Cavour. Filippo Sorcinelli non si perde d’animo e si è aggrappato a una massima di Confucio per guardare oltre gli affronti ricevuti: gli sputi della vetrina di domenica però gli hanno fatto male.

 

 

«È nel momento più freddo dell’anno che il pino e il cipresso, ultimi a perdere le foglie, rivelano la loro tenacia» ha scritto Filippo riprendendo una delle massime più celebri del filosofo cinese del V secolo avanti Cristo. L’amarezza e la rabbia domenica sera erano quasi incontenibili: «Incivili? Indecenti? O semplicemente poveri? Due sputi. Accade proprio nel mio paese…dove tutti si fanno bella la faccia andando a passeggiare sorridenti con le proprie famiglie da cliché e sorridere beati ai mercatini plasticati di Natale». Ieri mattina incrociando gli amici non ha perso il sorriso, tanti gli hanno espresso solidarietà e vicinanza all’indomani del gesto inqualificabile. Si guarda avanti, alla prossima esposizione al chiostro di Sant’Agostino. «È questa Mondolfo? È questo il suo percorso umano e letterale? Può ridursi tutto in questi due sputi? Forse sì» ha scritto Sorcinelli nel post su Facebook. Massimo Papolini della Pro Loco Tre Colli ha puntualizzato che non è giusto accomunare tutta Mondolfo con il gesto incivile di un singolo. 

«Dispiace per quanto accaduto nei confronti tuoi e di Yuri, ma approfittarne per definire tutti i mondolfesi una massa informe e ottusa e le iniziative altrui eventi meritevoli di essere tanto sminuiti, non rende onore alla tua caratura di artista e di persona». Domenica prossima si terrà alle 18 l’inaugurazione dell’esposizione di Sorcinelli sul mondo animale tra arte, recupero e vita. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA