Entra nella camera da letto della ex e picchia lei e il fidanzato: 27enne fanese nei guai

Entra nella camera da letto della ex e picchia lei e il fidanzato: 27enne fanese nei guai
Entra nella camera da letto della ex e picchia lei e il fidanzato: 27enne fanese nei guai
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Dicembre 2022, 03:05 - Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre, 15:04

FANO  - Una breve relazione, ma tale da scatenare un senso di possesso.  E’ questa l’accusa mossa nei confronti di un 27enne di Fano finito a processo per atti persecutori, violazione di domicilio e lesioni. Tutto sarebbe cominciato dopo la fine del rapporto con una 29enne. Avrebbe iniziato a minacciarla e molestarla, ma anche seguirla nei luoghi da lei frequentati. 


Avrebbe preteso che la ragazza non frequentasse altri maschi e l’avrebbe ripetutamente offesa. Una sera l’aveva incontrata in un locale in compagnia del nuovo fidanzato. E le aveva rivolto degli insulti. «Sei una tr…». E ancora: «E’ quello il ragazzo con cui vai a letto?». L’avrebbe anche strattonata e schiaffeggiata per impedire che se ne andasse con colui che riteneva il suo rivale in amore. Tutte circostanze che hanno procurato uno stato d’ansia nella ragazza e la paura per la propria incolumità o per chi le stava vicino. Finita la serata la giovane si è ritirata a casa con il fidanzato, ma è stata pedinata dall’ex che non ha mollato l’osso anzi, il 27enne è riuscito a introdursi clandestinamente nella camera da letto dove i due si erano coricati. 


Per entrare nell’abitazione si era arrampicato sul balcone e aveva rotto i vetri della porta finestra della camera. Un momento d’ira in quanto aveva preso a calci i vetri fino a sfondare la finestra. Una volta dentro aveva aggredito i due. Motivo per cui è anche accusato di lesioni. Qui aveva afferrato la ex per il collo nel tentativo di soffocarla e poi l’aveva colpita con schiaffi più volte. Il nuovo fidanzato era corso in aiuto della ragazza e anche lui è stato aggredito con graffi al volto e al collo. 


I due sono riusciti a mettersi al sicuro e hanno denunciato tutto alle forze dell’ordine che hanno ricostruito l’esatta sequenza dei fatti. La coppia poi è finita al pronto soccorso dove i medici hanno emesso prognosi di 3 e 10 giorni. L’avvocato dell’imputato opterà per un patteggiamento che verrà definito nelle prossime settimane. E’ stata ammessa la costituzione di parte civile: l’avvocatessa Irene Ciani tutela in sede civile la giovane, mentre il legale Danilo Del Prete il ragazzo aggredito. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA