Un pitone nel giardino di un condominio a Fano, scatta l'allarme: catturato dai vigili del fuoco

Un pitone nel giardino di un condominio a Fano, scatta l'allarme: catturato dai vigili del fuoco
Un pitone nel giardino di un condominio a Fano, scatta l'allarme: catturato dai vigili del fuoco
di Osvaldo Scatassi
2 Minuti di Lettura
Sabato 6 Agosto 2022, 18:46 - Ultimo aggiornamento: 8 Agosto, 18:56

FANO - Serpenti esotici in libera uscita nelle notti fanesi. È successo di nuovo, per la terza volta in nemmeno due anni, e la specie è sempre la stessa: Phyton regius, pitone reale, che comunque è innocuo per le persone. Un giovane esemplare albino è stato recuperato nel giardino di un condominio in viale Primo maggio, non lontano da un istituto di credito, intorno alle 3 della notte scorsa. Intervenuta una squadra dei vigili del fuoco di Fano, su segnalazione di un residente.

Pitone nel giardino, recuperato dai vigili del fuoco

Lungo meno di un metro, il rettile appare a una prima analisi in buone condizioni. A occhi esperti la sua livrea albina ha tonalità particolari e tipiche di un esemplare nato in allevamento, non nel suo ambiente naturale.
Il Phyton regius è il più piccolo tra i pitoni che vivono in Africa e un abile cacciatore di topi e roditori in genere. E' un animale schivo nei confronti degli esseri umani. Se ne è disturbato, tende a raggomitolarsi e a nascondere la testa fra le spire, assumendo la posizione che gli vale il curioso soprannome di pitone palla.

Indagini per rintracciare il proprierario

È considerato un serpente molto adatto all’allevamento, tanto per il carattere timido quanto per le dimensioni contenute. Raggiunge la massimo il metro e mezzo di lunghezza e un peso di circa due chili. L’esemplare recuperato in viale Primo maggio è ancora in custodia ai vigili del fuoco, in attesa che i carabinieri forestali in servizio a Cartoceto rintraccino il proprietario. Si deve accertare se tutte le certificazioni sono in ordine (altrimenti le sanzioni sono salatissime) e se si tratta di abbandono oppure di fuga dell’animale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA