Scuola, in quarantena per il Covid ci sono 182 classi. La primaria preoccupa: ecco perché

Mercoledì 5 Maggio 2021 di Maria Teresa Bianciardi
L'Ufficio scolastico delle Marche ha diffuso i dati sui contagi nelle scuole della regione

ANCONA - L’effetto scuola è tra i dati più monitorati dagli esperti della Regione - assieme all’andamento dei contagi nei Comuni - mentre si contano i giorni da qui alla fine dell’anno per chiudere un ciclo trascorso tra didattica a distanza e lezioni in presenza, versione fotocopia del 2020.

 

Schianto in moto sulla strada tra Osimo e Ancona, papà di 41 anni muore sul colpo

Viaggia su un'auto rubata durante il coprifuoco, denunciato per ricettazione e multato

 

E gli ultimi dati raccontano che i contagi sono aumentati in maniera esponenziale nella fascia di età tra i 6 ed i 10 anni (quella della scuola primaria) con 1263 casi di bambini risultati positivi al Covid: numeri che in percentuale vengono riportati anche dal controllo effettuato dall’Ufficio scolastico regionale, secondo il quale sono 182 le classi in quarantena nei plessi marchigiani e il 39,56% delle aule chiuse sono proprio nelle elementari.


Il report
Un’altra fascia di età che sta salendo in numero di casi è quella delle superiori, cioè tra i 14 ed i 18 anni: nelle Marche sono stati riscontrati 1062 ragazzi positivi appartenenti a questo range, mentre tra gli 11 ed i 13 anni sono 959 e 530 tra i 19 anni ed i 24. L’Osservatorio epidemiologico della Regione ha anche monitorato 1095 quarantene da setting scolastico. Dal 7 aprile, giorno del rientro a scuola degli studenti marchigiani dopo settimane di Didattica a distanza, si è notato un progressivo ed anche atteso aumento delle aule in quarantena: alla data di lunedì erano 182, con un picco giorno 28 aprile di 197 classi chiuse a causa del virus. Ma dal 28 marzo - come spiega l’Ufficio scolastico regionale - «non si nota un marcato aumento delle segnalazioni delle quarantene in piattaforma, ma ciò potrebbe essere dovuto a possibili ritardi nell’inserimento dei dati da parte delle scuole, forse in concomitanza con le festività, il fine settimana e, nella provincia di Ancona, gli eventuali ponti per le ricorrenze dei santi patroni del capoluogo e di Senigallia». Dunque dati che potrebbero essere più bassi rispetto alla realtà attuale ma che comunque fotografano la situazione in tutto il percorso scolastico. A livello regionale il 19,23% delle classi in quarantena fa parte della scuola per l’infanzia, il 39,56% della primaria, il 20,8% della media e il 20,33% degli istituti superiori. 


Il confronto
Se le province di Macerata e Ancona restano nella media del 30% dei casi nelle scuole elementari, nel Pesarese la percentuale sale al 42,51 per toccare il 50% nelle province di Ascoli e Fermo conteggiate insieme. Per quanto riguarda le scuole dell’infanzia la percentuale più bassa di classi in quarantena è nella provincia di Ancona, con il 5,26% e nelle provincia di Ascoli e Fermo che in totale hanno una percentuale del 14,71. Tra gli studenti della media, le classi chiuse per Covid rappresentano il 20,8% del totale in regione con un picco in provincia di Ancona (26,32%) e in quella di Macerata (25,86%). Infine negli istituti superiori dove le aule in quarantena sono il 20,33%, sempre nel territorio dorico si osserva la percentuale più importante che è del 34,21 di molto al di sopra la media regionale.

Ultimo aggiornamento: 6 Maggio, 08:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento