Pnrr, ci sono 38 super esperti per i progetti made in Marche. Castelli: «L’obiettivo è creare una struttura a sostegno degli enti locali»

Venerdì 8 Ottobre 2021 di Martina Marinangeli
Pnrr, ci sono 38 super esperti per i progetti made in Marche. Castelli: «L obiettivo è creare una struttura a sostegno degli enti locali»

ANCONA L’esercito degli specialisti per dare attuazione al Piano nazionale di ripresa e resilienza. La conferenza Stato-Regioni ha ufficializzato, ieri mattina, l’assegnazione straordinaria di 1000 tra professionisti e consulenti (reclutati tra soggetti con almeno il dottorato di ricerca) per aiutare i territori nel disbrigo delle attività relative al Pnrr. 

 

 
L’organizzazione
Nelle Marche, ne arriveranno 38 a novembre e, nel frattempo, la Regione dovrà definire i piani operativi per l’utilizzo di questo personale in base a degli obiettivi precisi, stabilendo compiti e collocazione. «La nostra idea – spiega l’assessore con delega al Personale, Guido Castelli – è quella di rafforzare la capacità di progettazione della Regione, ma anche di creare una struttura a sostegno degli Enti locali impegnati nell’attuazione del Pnrr». Il personale aggiuntivo sarà pagato con i fondi dello stesso Pnrr e resterà in forze al territorio fino al 2026. Contestualmente, Castelli è stato ieri nominato componente del Comitato europeo delle Regioni come membro permanente della delegazione italiana. 


La nomina
La designazione è avvenuta a Bruxelles nell’ambito del Consiglio dei ministri Ue dell’Ambiente, che ha definito dieci nomine del nuovo assetto dei rappresentanti del nostro Paese (all’Italia sono riconosciuti 24 membri, in rappresentanza delle Regioni e degli Enti locali). «È un incarico che assolverò con il massimo impegno e dedizione, rappresentando, il Comitato, un importante organismo europeo che ha voce in capitolo sugli sviluppi della legislazione comunitaria che incide direttamente sugli enti regionali e locali – il commento dell’assessore –. Le Marche rivestiranno così un ruolo permanente per contribuire a orientare gli interventi europei verso le reali esigenze territoriali del nostro Paese».


Come funziona
Istituito ufficialmente nel 1994, il Comitato europeo delle regioni è un organo consultivo che ha l’obiettivo di dare voce agli enti locali e regionali dell’Unione europea. È composto da 329 membri titolari e 329 supplenti, proposti dalle amministrazioni locali e regionali e poi nominati dal Consiglio, per un mandato rinnovabile di cinque anni. Uno dei compiti principali del Cdr è esprimere il proprio parere su qualsiasi legislazione europea abbia un impatto sulle regioni e sulle città, ossia su circa il 70% del corpo legislativo europeo. Il Comitato delle Regioni viene consultato, in particolare, su norme che coinvolgono materie come la sanità, l’istruzione, le politiche sociali, le politiche di coesione economica e sociale, i trasporti, l’energia e la lotta al cambiamento climatico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA