Arriva il vero inverno, neve fino a bassa quota: venti e precipitazioni in tutte le Marche

Arriva il vero inverno, neve fino a bassa quota: venti e precipitazioni in tutte le Marche. Nella foto i tetti di Urbino questa mattina 20 gennaio 2023 visti dalla webcam dell'Osservatorio Serpieri
Arriva il vero inverno, neve fino a bassa quota: venti e precipitazioni in tutte le Marche. Nella foto i tetti di Urbino questa mattina 20 gennaio 2023 visti dalla webcam dell'Osservatorio Serpieri
4 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Gennaio 2023, 03:10 - Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 07:37

ANCONA Se abitate in collina, o anche nel fondovalle, preparatevi a scalare la marcia sulle strade, montando gomme termiche o catene. Perché da stasera nelle Marche arriverà la neve, con quota inizialmente a partire da 3-400 metri ma poi in diminuzione già da domani, quando la coltre bianca coprirà anche paesaggi più in basso, a 100-200 metri sul livello del mare. Sono attesi tre giorni della merla (che la tradizione popolare colloca a fine gennaio) anticipati di una decade e soltanto lunedì prossimo le temperature inizieranno a rialzarsi. 


Il fronte artico


Ieri il servizio agro meteo della Regione Marche confermava le previsioni dei giorni scorsi, annunciando l’irruzione anche nella nostra regione di un fronte freddo di origine artica. Già ieri ce ne sono state le avvisaglie, con un repentino abbassamento delle temperature, scese vicino allo 0 anche in collina, e precipitazioni sporadiche che in tarda mattinata hanno coperto alcune strade con nevischio e grandine anche in località costiere come Ancona, dove ci sono stati rallentamenti al traffico sulla variante alla statale Adriatica. Imbiancata anche la città, ma nel giro di dieci minuti è tornato il sole e la grandine è svanita. E ieri pomeriggio è iniziato a nevicare forte sugli Appennini, come sul Catria, Nerone e Carpegna. 
Dunque, dopo settimane di anticiclone e clima a tratti quasi primaverile, l’inverno inizia a fare sul serio. «Finalmente il freddo sarà nostro compagno per diversi giorni, per tutta la settimana attuale e almeno la prima parte della prossima - informa il Bollettino meteorologico per le Marche redatto ieri dal Centro Studi Alef di Stefano Leonesi -. Del resto non si intravedono protagonisti anticiclonici in grado di impensierire in tempo brevi lo status quo e il predominio depressionario polare su tutta l’Europa Centro Orientale».
Responsabile di questo fine settimana di neve e temperature rigide è «la chiusura a vortice di una parte della massa gelida che continuerà così a ruotare tra i Balcani e l’Italia, mantenendo valori termici rigidi e favorevoli alle nevicate».


Venti da nord


Oggi nelle Marche sono attese precipitazioni soprattutto nelle ore pomeridiano-serali, che interesseranno prima il comparto nord e quello costiero, quindi il centro-sud per la sera. Attese nevicate fino ai 300-400 metri e temperature in diminuzione, in particolare minime. La percezione del freddo per altro sarà amplificata da venti settentrionali in intensificazione da nord-est.
La giornata più nevosa, stando alle previsioni meteo, sarà quella di domani, con precipitazioni continue e persistenti un po’ ovunque, ma più concentrate e intense sull’area meridionale e su quella interna. Nevicate sono attese a quote basse, anche a 100-200 metri. Le previsioni per ora tengono la fascia litoranea al riparo dalla neve, ma per trovarne basterà salire appena di quota, ad esempio nelle frazioni collinari intorno ad Ancona o nelle zone di fondovalle. Domenica le precipitazioni saranno intense fino al mattino, per poi spostarsi verso l’interno e in risalita lungo l’Appennino prima di attenuarsi. Nevicate sono annunciate fino a 300 metri circa, mentre nel pomeriggio sono attesi altri fenomeni ma con quota neve in sensibile rialzo.


Il bollettino


Per lunedì il bollettino meteo della Regione prevede precipitazioni intense già al mattino sul settore meridionale, poi in risalita sulla fascia interna fino al pomeriggio, con quota neve intorno ai 300 metri. In serata, per effetto di un leggero rialzo delle temperatura, la quota neve sarà in rapida crescita e le precipitazioni si ridurranno ritirandosi verso il Montefeltro. In tutte e quattro le giornate sono attese anche brinate e locali gelate, soprattutto serali e mattutine nelle giornate di domani e domenica. Nel weekend erano già previste le aperture a pieno regime di piste da sci e impianti di risalita nelle località montane, ma è probabile che la neve sarà occasioni di svago (oltre che di inevitabili disagi per la circolazione) in gran parte della regione. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA