Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, spostamenti tra regioni permessi solo dal 3 giugno. Anche per visite ai congiunti

Coronavirus, spostamenti tra regioni permessi solo dal 3 giugno. Anche per visite ai congiunti
Coronavirus, spostamenti tra regioni permessi solo dal 3 giugno. Anche per visite ai congiunti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Maggio 2020, 16:40

ANCONA  - Emergenza Coronavirus, spostamenti tra regioni, se ne riparla il 3 giugno. Ma anche il prossimo mese saranno possibili solo la situazione epidemiologica dei territori in questione è soto controllo. Ed il divieto, a quanto si apprende, varrà anche nel caso di congiunti residenti in un'altra regione.

LEGGI ANCHE:
Silvia Romano, le accuse fanno scattare il blitz alla Africa Milele. Perquisizioni in corso

Il Coronavirus batte in ritirata: tre province a contagi zero e 150 guariti nelle Marche


Lo prevede la bozza del decreto riaperture che il Governo si appresta a varare entro la fine della settimana. Misure che si applicheranno a decorrere dal 18 maggio e fino al 31 luglio (data in cui al momento è prevista la fine del periodo di emergenza deciso a gennaio). Per quanto riguarda gli spostamenti sul territorio nazionale, potranno essere limitati solo con provvedimenti ad hoc e «in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree». Già a partire dal 18 maggio sono possibili spostamenti senza restrizioni all'interno della stessa Regione, fatte salve misure di contenimento più restrittive adottate relativamente a «specifiche aree del territorio regionale, soggette a particolare aggravamento della situazione epidemiologica».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA