Macerata, vertice per la sicurezza nella zona del cratere, è guerra a truffatori e spaccio

Mercoledì 20 Novembre 2019
Macerata, vertice per la sicurezza nella zona del cratere, è guerra a truffatori e spaccio
TOLENTINO - Un rafforzamento delle azioni di contrasto alle truffe, che già nel recente passato hanno prodotto risultati grazie anche a una più stretta collaborazione tra forze dell’ordine e Comuni, e una efficace attività di prevenzione, e informazione. Non solo, sarà intensificata la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti e alle dipendenze in generale attraverso una più serrata attività di indagine e di repressione. Sono questi i principali esiti della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica itinerante presieduta dal prefetto Iolanda Rolli. Ai lavori hanno preso parte i comandanti provinciali dei carabinieri, il colonnello Michele Roberti, e della Guardia di Finanza, il colonnello Amedeo Gravina. Per la Polizia ha partecipato il capo della Divisione anticrimine, Andrea Innocenzi. Presenti, naturalmente, i sindaci o loro rappresentanti, dei comuni compresi nel territorio della Compagnia dei carabinieri di Tolentino. 
 
 

A tale attività si affiancherà la concreta l’attivazione degli strumenti più attuali di videosorveglianza e delle forme di “sicurezza partecipata”. Infine, è stata richiamata l’attenzione dei sindaci del cratere sui rischi connessi a eventuali fenomeni di infiltrazione della criminalità organizzata nei cantieri presenti in quel territorio. L’ulteriore sforzo finalizzato alla sicurezza, vedrà anche la partecipazione delle Polizie locali nell’ambito delle rispettive competenze istituzionali, per stringere ulteriormente le maglie dei controlli.
 
Un’opera che vuole rafforzare i risultati ottenuti sul fronte della sicurezza, emersi da una prima analisi dei dati statistici, da cui è emerso un complessivo calo del numero dei reati rispetto agli anni passati. «Occorre un grande patto di legalità e trasparenza - ha ribadito il Prefetto Rolli - che coinvolga le istituzioni, oltre alla Prefettura, alle forze dell’ordine e all’autorità giudiziaria, per escludere dal sistema economico produttivo chi, operando fuori dalle regole, incrina il clima di fiducia tra gli operatori economici, indebolisce il tessuto economico». La riunione è stata preceduta da un incontro tecnico con il comandante della Compagnia dei carabinieri di Tolentino e con i comandanti delle stazioni e dei reparti. Questo è il secondo degli incontri che il Prefetto, dopo il contatto diretto con i sindaci di tutti i Comuni della provincia, ha organizzato per avviare un costante, concreto rapporto col territorio. © RIPRODUZIONE RISERVATA