Ubriaco in strada aggredisce un passante, poi entra in farmacia e scatena il caos

Sabato 19 Settembre 2020 di Alessandra Bastarè
La vetrina della farmacia danneggiata dopo il caos
MACERATA - Prende di mira un passante e lo colpisce con una bottiglia, entra in farmacia e aggredisce un dipendente seminando il caos e poi ferisce due poliziotti: arrestato un 35enne romeno. Tensione e di paura ieri pomeriggio, intorno alle 17, nel centralissimo corso Garibaldi a Macerata dove in quel momento c’erano parecchie persone.

LEGGI ANCHE: Altri 20 positivi, chiude una scuola. Negli istituti frequentati da due studenti infetti molti disertano le lezioni. Prete contagia altri fedeli

LEGGI ANCHE: Covid, l'Ue: «Testare tutti i casi con sintomi compatibili, anche lievi»
 
Un uomo in evidente stato di ubriachezza ha prima preso di mira un passante strattonandolo alle spalle e scagliandogli contro una bottiglia, poi ha colpito al petto un farmacista della farmacia Filipponi e ferito due agenti della polizia intervenuti per fermarlo. 
«Stavo passeggiando qui in corso Garibaldi quando sono stato avvicinato, alle spalle, dall’uomo, evidentemente ubriaco e alto quasi due metri, che prima mi ha dato uno spintone e poi ha iniziato a insultarmi – racconta Claudio Biagiola, pensionato di Montefano che era in città per assistere a un concerto -. Dopo l’uomo è entrato in un bar e quando è uscito è nuovamente venuto contro di me con in mano una bottiglia di birra piena. Capendo le sue intenzioni e il fatto che ormai mi aveva preso di mira ho cercato di fuggire e mi sono rifugiato nella farmacia tentando di raggiungere il retro per mettermi in salvo ma sono stato raggiunto da una bottigliata alla testa».

«Quando i due sono entrati oltre a noi dipendenti c’erano anche alcuni clienti che sono fuggiti dopo che l’uomo ubriaco ha iniziato a urlare “andate via” - racconta il farmacista Lucio Campolungo -. Biagiola è entrato e si è subito rifugiato nel retro della farmacia nel tentativo di sfuggire all’uomo ma è stato raggiunto dalla bottiglia. Poi l’aggressore, mentre lo teneva a terra e lo colpiva, continuava a farfugliare frasi senza senso come “noi siamo stati insieme nell’Esercito” e continuava a prendersela con tutti noi. A quel punto ho cercato di distrarlo e di calmarlo chiedendogli perché si comportava in quel modo e lui se l’è presa anche con me sferrandomi un pugno al petto. Abbiamo avuto tanta paura e poi sono intervenuti gli uomini della polizia, che abbiamo contattato noi, e lo hanno fermato».
L’uomo è stato bloccato non senza problemi dato che prima di essere fermato e portato in questura ha aggredito anche i due poliziotti che sono finiti in ospedale; le loro condizioni non sono gravi. Sul posto il personale della Volante diretto dal commissario capo Lorenzo Commodo e i colleghi della Squadra mobile, guidati dal commissario capo Matteo Luconi. Il 35enne romeno è stato arrestato.
  Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 08:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA