Nuovo villaggio turistico con area sosta per camper, l’idea piace al Comune

Un'area di sosta per i camper
Un'area di sosta per i camper
di Emanuele Pagnanini
2 Minuti di Lettura
Martedì 22 Marzo 2022, 07:25

CIVITANOVA - Un villaggio turistico e un’area sosta per i camper all’ingresso Nord di Civitanova. È la proposta dei proprietari dell’area arrivata sul tavolo del Comune. E dall’amministrazione comunale è arrivato il primo sì. Per ora si tratta solo di un atto di indirizzo, passo propedeutico ad una variante urbanistica. Dunque un iter che prevede lo studio di una variante al Prg da parte dell’ufficio tecnico e poi l’approvazione in consiglio comunale.

 

Attualmente quel terreno privato è classificato F3 come destinazione d’uso, cioè servizi per lo sport e il verde. La richiesta dei proprietari Edoardo Amaranti e Annamaria Malavolta è di trasformare l’area ad uso turistico. Si tratta di un terreno ora agricolo che si trova lungo la statale Adriatica, tra l’autolavaggio e la stazione di servizio, poco dopo il nuovo Eurospin. Area che in delibera viene definita come «inserita in un tessuto edilizio già esistente, comprendente un distributore di benzina, un ristorante, attività produttive e commerciali». Qui, su un terreno di 28.760 mq, i proprietari vorrebbero realizzare «un polo turistico con bungalow amovibili, attività sportive all’aperto come piscina e percorsi fitness e un’area di sosta attrezzata per camper a breve e lunga permanenza».

Un’idea che piace all’amministrazione comunale perché Civitanova ha un solo campeggio e manca di strutture turistiche simili. Questo sarebbe praticamente sul mare. Ma bisogna tenere in considerazione anche un altro aspetto: nelle adiacenze della zona oggetto della richiesta, è stata evidenziata, durante gli studi per la redazione dell’attuale Prg, la presenza di un’area archeologica. Gli scavi, tuttavia, non sono mai stati attivati. I proprietari si impegnerebbero a cedere al Comune l’area archeologica e a proteggerla con relative strutture qualora dovessero essere attivati degli scavi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA