Cingoli, botte tra calciatori 18enni
dopo la partita: arrivano i carabinieri

Cingoli, botte tra calciatori 18enni dopo la partita: arrivano i carabinieri
2 Minuti di Lettura
Martedì 23 Gennaio 2018, 11:16
CINGOLI - Due giocatori diciottenni, uno della squadra di casa e l’altro della compagine ospite, si sono picchiati fuori dal campo. C’è chi è intervenuto per separarli, ma intanto i due si erano scambiati diversi colpi. Alla fine sono stati chiamati i carabinieri.
Il fatto è accaduto domenica pomeriggio allo stadio Spivach al termine della partita dei Juniores tra San Francesco Cingoli e Settempeda finita 4-3 per i padroni di casa. Sul campo non è successo niente grave e solo al rientro negli spogliatoi tra i giocatori delle due compagini sono volati spintoni e parole grosse. Sembrava che tutto dovesse rientrare in pochi minuti, anche perché ormai la partita era finita e le due formazioni avevano preso la strada degli spogliatoi. Invece, sono arrivati i carabinieri. Probabilmente qualcuno, per evitare che le cose degenerassero, ha chiesto l’intervento dei militari dell’Arma. Una volta sul posto le forze dell’ordine hanno bloccato diversi presenti tra cui i due ragazzi (due calciatori che non erano scesi in campo) che sono venuti alle mani. Oltre a prendere le generalità di alcune persone sono state anche ascoltate alcune testimonianze al fine di conoscere i fatti. I due ragazzi si sarebbero affrontati sul piazzale della tribuna prima a parole, poi da qualche spintone sarebbero passati a schiaffeggiarsi. Sono in corso gli accertamenti. Al momento non sembra esserci nessuna denuncia da parte degli interessati.
© RIPRODUZIONE RISERVATA