Gli incidenti diminuiscono e le strade sono sicure: il Fermano ha la miglior performance delle Marche

Gli incidenti rallentano e le strade sono sicure: il Fermano ha la miglior performance delle Marche
Gli incidenti rallentano e le strade sono sicure: il Fermano ha la miglior performance delle Marche
di Massimiliano Viti
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Novembre 2022, 04:30

FERMO Nel 2021 sono stati registrati 495 incidenti nelle strade della provincia di Fermo. È il numero più basso di tutta la regione. Ancona ne ha 1.482, Pesaro-Urbino 1.097, Macerata 884 e Ascoli Piceno 705. Naturalmente, considerato il lockdown, tale numero è cresciuto rispetto all’anno scorso ma è leggermente inferiore ai dati pre Covid. Di questi 495 incidenti, 9 sono stati mortali (con 9 persone decedute contro le 10 del 2019), mentre complessivamente i feriti sono stati 699 (746 nel 2019). 

I dati


Oltre agli altri dati statistici che ACI fornisce, è più interessante scorrere la mappa dei tratti stradali più pericolosi. La strada più pericolosa, quella a cui ACI attribuisce l’indice di gravità (il numero dei morti diviso la somma tra morti e feriti) più alto, è la strada statale 210 Fermana-Faleriense. Ha un indice di gravità pari a 3,64. In particolare dal km 3 al 4 (da Fermo a Porto San Giorgio) si sono verificati ben 3 scontri. La strada invece teatro del maggior numero di sinistri rispetto ai chilometri è la Statale 16 Adriatica con una densità di 1,39. 


I tratti


Nel tratto dal km 352 a 353 (incrocio Paludi-Lido Tre Archi) si sono verificati 5 incidenti. Queste due strade, nel 2021, sono state teatro di 38 sinistri a testa. Entrambe sono più pericolose del tratto autostradale sull’A14 dove si sono verificati 28 incidenti ma il coefficiente densità è 0,98 e l’indice di gravità risulta 2,04, alle spalle della Fermana-Faleriense. Tra le strade a rischio figurano la statale 433 Valdaso e la 078 Picena, rispettivamente con 13 e 2 incidenti. Un’altra statistica ha dimostrato che l’82,5% dei cittadini europei vive a meno di un quarto d’ora d’auto da un ospedale. I dati fanno riferimento al 2020 e arrivano da Eurostat. Nella provincia di Ascoli Piceno il dato è dell’82,70%. È il valore più alto della regione Marche. Al secondo posto c’è Ancona con l’80,70%, poi c’è Macerata con il 73% e Fermo con il 70%. Ultima provincia è Pesaro-Urbino col il 64,80%. 

 

Il futuro


Quella di Fermo è una percentuale destinata probabilmente a restare inalterata anche con la costruzione del nuovo ospedale di Campiglione di Fermo che ha bisogno dei collegamenti. Altrimenti, per i residenti della città di Fermo sarà più difficile raggiungerlo rispetto all’attuale Murri. Ma lo sarà anche per Porto San Giorgio e per la costa fermana se non verranno realizzate le opere viarie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA