Sfidano l’Europa e le sanzioni: i calzaturieri partono oggi per la fiera di Mosca. Ecco il lungo giro che li aspetta per arrivare in Russia

Domenica 24 Aprile 2022 di Massimiliano Viti
Sfidano l Europa e le sanzioni: i calzaturieri partono oggi per la fiera di Mosca

FERMO -  Partiranno oggi e lunedì alla volta di Mosca, sfidando l’Europa e le sanzioni, per vendere le scarpe e cercare di far sopravvivere le proprie aziende. Sono gli imprenditori che attraverso la Serbia, la Turchia o Dubai arriveranno nella capitale russa per partecipare alla fiera Obuv Mir Kozhi in programma da martedì 26 a venerdì 29 all’Expocentre. 

 

 


Sono 48 le aziende di calzature, pelletteria e abbigliamento italiane che hanno confermato la loro partecipazione, di cui 31 provenienti dalle Marche, soprattutto dal Fermano. Sono quelle imprese che non possono fare a meno del mercato russo e nonostante la situazione, i rischi, le incognite, i costi molto più alti che in passato per la logistica e il viaggio, e un futuro ancora molto incerto, hanno deciso di affrontare il viaggio della speranza. Perché il business non si ferma; il business va avanti. A fatica ma va avanti, cercando di superare guerre e sanzioni. Al fianco degli imprenditori ci sarà Assocalzaturifici che collabora con Bologna Fiere, ente organizzatore dell’appuntamento fieristico moscovita. 


«Non abbiamo alternative al mercato russo che ci è stato chiuso dalla sera alla mattina. Ne abbiamo bisogno» afferma Marino Fabiani, imprenditore calzaturiero di Fermo, ormai simbolo del distretto calzaturiero marchigiano ferito, il più penalizzato in Italia dalle sanzioni commerciali che Usa e Occidente hanno applicato alla Russia. Un distretto che, finora, la politica ha completamente abbandonato. Non solo. Da un lato c’è la Regione Marche che, come da programma, incentiva la partecipazione degli imprenditori alla fiera di Mosca elargendo dei contributi, dall’altro lato ci sono le sanzioni per impedire un regolare commercio con la Russia. Coerenza? Ciò che più ostacola l’export verso la Russia è il blocco dei flussi di denaro e l’impossibilità da parte dei clienti di far arrivare i soldi in Italia. E se si trova una strada, il suo percorso è tortuoso e molto costoso. «Andiamo a Mosca con la speranza che tra qualche mese si sblocchi qualcosa a livello di incassi» conferma Marino Fabiani che poi prosegue: «Gli ordini che raccoglieremo a Mosca potrebbero rivelarsi carta straccia perché se non arriveranno gli acconti, se non saremo sicuri di incassare, non metteremo in produzione le scarpe».

I campioni dei prodotti che verranno esposti a Obuv sono già arrivati a Mosca. Gli imprenditori marchigiani sono fiduciosi che arriveranno anche i clienti. Nella capitale russa la situazione viene descritta come apparentemente tranquilla per cui gli espositori contano su un numero di visitatori non inferiore alle scorse edizioni. Inoltre, l’uscita di scena dal mercato russo di molte griffe del lusso, che hanno chiuso i propri negozi o interrotto le operazioni, ha addirittura aperto uno spazio in più ai prodotti made in Italy. Altre aziende di moda (ad esempio Geox e Baldinini per restare in tema calzaturiero) hanno invece deciso di restare sul mercato russo perché troppo importante per il loro volume di affari. E in qualche modo riescono ad aggirare le sanzioni e, seppur con tutte le difficoltà, riescono a far arrivare e a vendere i loro prodotti. A livello di logistica il Kazakistan sta avendo un ruolo sempre più importante, soprattutto per la Russia più asiatica. «Non possiamo lasciare di punto in bianco un mercato su cui abbiamo investito e che mantiene in vita le nostre aziende. E questo ci dà la forza per partire» conclude Fabiani.

 

Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 09:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA