I poliziotti al centro commerciale per un ladro bloccano anche un borseggiatore: volano banconote durante la fuga

Venerdì 25 Settembre 2020 di Sonia Amaolo
I poliziotti al centro commerciale per un ladro bloccano anche un borseggiatore

FERMO - Furto sventato all’Oasi Girasole di Campiglione di Fermo. Un ladro con un borsone pieno di vestiti abbandona il bottino per sfuggire ai poliziotti che nella stessa giornata denunciano un clandestino dopo un borseggio, e scatta il provvedimento di espulsione.

LEGGI ANCHE:
Bambina positiva al tampone, un’altra classe in quarantena. E' il terzo caso negli ultimi giorni

«Più infetti che a marzo». É allarme rosso Covid nel Piceno: una morte sospetta, 16 positivi e un contagio in un asilo

Intanto a Porto Sant’Elpidio in via Faleria va a fuoco una macchina parcheggiata ed è subito panico, ma si esclude il dolo. Proseguono serrati i controlli di polizia e carabinieri sulle strade fermane. 
 
Due interventi
Mercoledì pomeriggio al 113 è arrivata la telefonata d’allerta per un furto perpetrato al centro commerciale di Fermo. La Volante della Questura è arrivata in via Prosperi, gli agenti hanno raccolto le testimonianze di un dipendente che ha riferito di aver visto un uomo aggirarsi tra gli scaffali con fare sospetto e, alla richiesta di spiegazioni, si è allontanato velocemente abbandonando la borsa che portava a tracolla. Dentro c’erano capi di abbigliamento per un valore di quasi duemila euro che sono stati recuperati. Durante il sopralluogo i poliziotti hanno scoperto che il ladro aveva schermato artigianalmente il borsone, con una pellicola di alluminio, per eludere le barre antitaccheggio e non far scattare l’allarme. Sono in corso gli accertamenti per identificarlo, saranno utili le immagini degli impianti di videosorveglianza. Mentre gli agenti stavano ricostruendo i fatti, hanno sentito gridare una donna che chiedeva aiuto. La signora pochi istanti prima era stata vittima di un borseggiatore. Era in pausa pranzo in un bar del centro commerciale e un giovane da dietro le si è avvicinato e le ha infilato la mano nella borsa, rubandole il portafogli. Lei si è girata e ha afferrato il ladro, lo ha bloccato, ma quello è riuscito a divincolarsi e scappare. La vittima ha cominciato a urlare e a correre verso il delinquente, a darle manforte sono arrivate due sue amiche che si sono lanciate all’inseguimento del furfante insieme a un addetto alla vigilanza. Gli agenti hanno sentito le urla e sono intervenuti, riuscendo a fermare il fuggitivoe a recuperare i soldi, non solo il portafogli ma anche diverse banconote perse per strada. Il ladro è stato accompagnato in Questura. Si tratta di un trentenne libico, clandestino, anagraficamente residente in Campania ma di fatto senza fissa dimora. È stato denunciato per furto aggravato e ingresso irregolare in Italia. Il prefetto ha firmato il decreto di espulsione e ne è seguito l’ordine di allontanamento del questore. 
Le fiamme
Attimi di paura, ieri mattina, in via Faleria a Porto Sant’Elpidio dove una Fiat Punto a metano ha preso fuoco dopo essere stata parcheggiata. L’auto è dell’aiuto cuoca del camping Le Mimose. Pochi istanti dopo che la donna era scesa per andare a lavorare si è sentito uno scoppio, un’esplosione e una fiammata partita dal motore: inceneriti il cofano e tutta la parte anteriore. Due ragazzi hanno avvisato il 115. È stato un cortocircuito, le cause sono accidentali. Con i vigili del fuoco sono intervenuti i carabinieri della locale stazione e una Volante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA