Coprifuoco ignorato, crescono i ribelli della notte: nuovi controlli e 14 multe dei carabinieri

Mercoledì 24 Febbraio 2021
Coprifuoco ignorato, crescono i ribelli della notte: nuovi controlli e 14 multe dei carabinieri

FERMO - Zona gialla o no, continuano i controlli da parte dei carabinieri della Compagnia di Fermo per far rispettare gli orari, i divieti di spostamenti fra regioni diverse e l’uso delle mascherine. Vocaboli un tempo quasi sconosciuti e che oggi sono entrati nel linguaggio comune. Ma più passa il tempo e più sembra difficile essere ligi al dovere.

 

Per certi versi gli ultimi dati relativi al monitoraggio per contrastare l’epidemia da parte dei militari sembrano allarmanti. Nelle ultime 48 ore sono state 835 le persone controllate, 74 gli esercizi pubblici e ben 14 le persone sanzionate in quanto trovate in giro dopo le ore 22 senza giustificato motivo. Tutti ormai sanno che si rischia grosso, con una multa da ben 400 euro, ma evidentemente in tanti rischiano lo stesso nella speranza di non incappare nei controlli.

«D’altra parte - rimarcano i militari - l’attività è una delle priorità del comando dei carabinieri di Fermo, oltre naturalmente alla prevenzione e repressione dei reati in genere». E’ chiaro che, soprattutto fra i più giovani, sta subentrando una certa stanchezza: ormai è quasi un anno che si va avanti fra lockdown e divieti più o meno rigidi. E con le varianti del virus anche le prospettive per il futuro non sembrano molto confortanti. L’unico dato positivo è che, almeno finora, le Marche sono rimaste in zona gialla con limitazioni meno stringenti rispetto a quelle delle regioni limitrofe o di alcuni Comuni della provincia di Ancona che sono arancioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA