Scarpe, le Marche al Micam: viaggio nel paese delle meraviglie

Giovedì 13 Febbraio 2020 di Massimiliano Viti

Arriva il Micam, la vetrina ideale per far brillare la scarpa marchigiana. L’edizione numero 89 del salone internazionale della calzatura si svolgerà da domenica 16 a mercoledì 19 febbraio al quartiere fieristico di Milano-Rho e vedrà la presenza di 1.205 espositori, di cui 628 italiani e 577 stranieri che presenteranno in anteprima le collezioni destinate alla prossima stagione invernale. Circa 170 le aziende marchigiane presenti di cui 110 provenienti da Fermo-Ascoli.

LEGGI ANCHE:
Arriva la tempesta di San Valentino e la Protezione civile avverte: «Sulle Marche di nuovo vento a 100 km orari». Dove e quando

Air Italy, «speciali tariffe per voli cancellati»: così Ryanair lancia offensiva per conquistare nuovi clienti

Le assenze pesano
Nonostante la riduzione, le Marche rappresenteranno il territorio italiano con il più alto numero di espositori. «Al Micam non vedremo buyer provenienti dalla Cina e molto probabilmente anche da Hong Kong e Taiwan. Ma in generale la volontà di viaggiare è diminuita» commenta Andrea Vecchiola del brand calzaturiero Fessura di Montegranaro che ha dimestichezza con la Cina, dove produce le sneaker del proprio marchio. Secondo le cifre diffuse da Assocalzaturifici che organizza l’evento, in media, la presenza cinese nelle passate edizioni di febbraio è stata di circa 500 persone.

Creatività in vetrina
«Più che dell’assenza di cinesi al Micam, mi preoccupo per le aziende marchigiane che lavorano per le griffe del lusso e per le imprese della componentistica che si approvvigionano in Cina» osserva Giampietro Melchiorri, vice presidente Confindustria Centro Adriatico che prosegue: «Anche l’export diretto verso la Cina non è trascurabile ma nemmeno così considerevole». Cosa vedremo al Micam? Creatività, sogno e genio: il mondo delle calzature che anima Micam diventa l’universo fantastico che fa da cornice alle atmosfere incantate delle fiabe più celebri. Un concept che accompagnerà la rassegna per le prossime edizioni. La prima fiaba del 2020 è Micam in Wonderland: una trasposizione surreale dell’iconica favola grazie alle immagini dal fotografo Fabrizio Scarpa e la regia di Daniele Scarpa. Confermato lo spazio dedicato agli Emerging Designers, nel padiglione 4E: un’occasione unica offerta a giovani creativi per presentare il proprio stile in un ambito di prestigio come quello della manifestazione, confermando la voglia di rinnovamento del settore. Tra i 12 giovani creativi anche due brand marchigiani: Marco Contigiani, Leonardo e Aldo D’Autilio con il brand Deplacè ed Emanuele Coppari con il brand Les Jeux du Marquis. Altra iniziativa è Players District, l’area pensata per offrire uno spazio inedito al mondo multiforme della calzatura sportiva e outdoor, l’unico segmento in crescita. 
Le novità
Il layout dell’area sarà ancora una volta caratterizzato da uno spazio centrale, The Arena, che ospiterà performance ed eventi dinamici. La novità è rappresentata da Micam “X”, il nuovo format scelto per raccontare l’evoluzione del settore calzaturiero, dai materiali all’avanguardia ai più rivoluzionari trend di consumo, dalla sostenibilità ai nuovi modi di fare retail. In calendario una sorta di “Numero Zero” di Micam “X” che raggrupperà le proposte più innovative e tecnologiche e caratterizzerà il cuore della fiera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA