Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La tua segnalazione a Corriereadriatico.it
«Parcheggi quartiere Adriatico, tanti disagi. Ecco la mia proposta»

Viale della Vittoria
Viale della Vittoria
2 Minuti di Lettura
Domenica 9 Gennaio 2022, 15:41 - Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio, 14:39

«Salve, sono un cittadino anconetano, residente al Viale della Vittoria 75 che, nonostante sia in possesso di un permesso di sosta per residenti, sempre più spesso si trova nella condizione di dover parcheggiare il luoghi anche molto distanti dalla propria abitazione. Già in condizioni "normali", infatti circa 40 posti auto (tra il parcheggio adiacente al monumento ai caduti, quello di fronte all'ex ristorante passetto etc.) sono a pagamento anche per i residenti, ma ora tra Covid e costruzioni e ristrutturazioni varie siamo di fronte alla seguente situazione:
Dehor caffè Cangiani -2 posti, dehor pizzeria Farinando - 6 posti, dehor gelateria Rosa etc. almeno altri 5 posti in meno, rifacimento facciata edificio Viale della Vittoria angolo via Corridoni -6, lavori edificio Viale della Vittoria dopo via Corridoni - 4 posti, lavori "Domus Passetto" - 3 posti.


Concludendo, tra posti esterni par bar e altri esercizi e lavori sono venuti a mancare circa 30 posti auto in un'area molto ristretta; con conseguente estrema difficoltà di parcheggio specialmente per i residenti. E non parliamo poi della situazione in via Thaon de Revel. La mia proposta per compensare tale situazione (altrimenti si paga il permesso residenti praticamente per niente) è quella di trasformare i 40 posti auto a pagamento menzionati all'inizio in posti riservati ai residenti, almeno fino a che non si sia tornati ad una situazione un pò più "normale".

Cordiali saluti
Guido Mauro

© RIPRODUZIONE RISERVATA