Spara in testa all'ex moglie e la uccide, ferisce la figlia e scappa. Poi si costituisce: «Folle di gelosia»

Mercoledì 10 Giugno 2020
Spara in testa all'ex moglie e la uccide, ferisce la figlia e scappa. Poi si costituisce: «Folle di gelosia»

VOLVERA - «Un raptus di gelosia». Sarebbe questa la motivazione di Nicola Cirillo, 59 anni, l'uomo che ha sparato in testa uccidendo l'ex moglie, Cristina Messina (54 anni), e ferito la figlia prima di darsi alla fuga e successivamente arrendersi: l'omicidio è avvenuto a Volvera, nel Torinese, poco prima delle 12.30 in via Garibaldi. Braccato dai carabinieri, che avevano circondato tutta la zona, si è arreso presentandosi in caserma a Pinerolo.

LEGGI ANCHE:
Tentò di uccidere la madre a coltellate, ma ha un vizio parziale di mente; condannato a tre anni e quattro mesi

Ascoli, ex carabiniere ucciso: i coniugi Spagnulo incastrati da un fotogramma e dai testimoni. Ha sparato lei?


Dopo aver tolto la vita alla moglie ha ferito in modo grave la figlia. I carabinieri hanno trovato la donna, 29 anni, in casa, dove il padre l'ha colpita con due colpi di pistola al torace. Subito soccorsa, è stata trasportata all'ospedale Cto di Torino. I militari dell'Arma hanno allestendo posti di blocco in tutta la provincia. Le ricerche sono state condotte anche con l'ausilio di un elicottero fino alla cattura. Marito e moglie, secondo gli accertamenti dei carabinieri, avevano divorziato quattro anni fa. 

Ultimo aggiornamento: 15:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA