Rimedi naturali contro i metalli pesanti: i benefici di alghe, frutta e minerali. Ecco cosa si può utilizzare

Giovedì 27 Maggio 2021 di Federica Buroni
Gli integratori possono essere utili per disintossicarsi dai metalli pesanti

ANCONA . Poche mosse. Giusto il tempo per depurarsi. Dai metalli pesanti, s’intende, una pratica a molti sconosciuta ma che si sta sempre più diffondendo, soprattutto ora, nel bel mezzo della primavera. È un modo di purificare il proprio corpo davvero speciale considerando che i metalli pesanti possono causare allergie, intolleranze e intossicazioni.  Non solo: studi recenti, e non solo, hanno dimostrato che possono avere effetti cancerogeni e perfino interferire con il Dna.

LEGGI ANCHE

Instagram, da oggi si può scegliere se mostrare il numero dei like: ecco come

Divorzio Brad Bitt Angelina Jolie, giudice nega testimonianza dei figli: la furia dell'attrice

 
I pericoli
Si parla di metalli come il nickel ma anche l’arsenico, il piombo, il mercurio. E poi ancora, il cromo, l’alluminio e il cobalto. Tutti quanti entrano in contatto attraverso il cibo ma anche tramite l’aria, sempre più inquinata. Ecco, allora, alcuni consigli per ridurre la loro ‘presenza’ nel nostro corpo: tra alghe, spezie, minerali, frutta e verdura bio ma anche argille e la semplice acqua mixata al limone, si può compiere il miracolo. Con la Zeolite, , minerale di origine vulcanica: è una sorta di spazzino per l’organismo perché con la sua struttura microporosa consente l’assorbimento dei metalli pesanti e delle sostanze dannose che circolano nel corpo. Viene utilizzata spesso negli apparecchi per purificare l’aria ma sarebbe meglio assumerne un cucchiaino in polvere 30 minuti prima dei pasti.


La Clorella
E poi c’è l’alga Clorella capace di ridurre le reazioni allergiche e le infiammazioni legate ai metalli pesanti: si può comprare in erboristeria come integratore in capsule. E quindi il Coriandolo, più noto come prezzemolo orientale: svolge un’azione chelante verso i metalli pesanti. È un ottimo rimedio naturale contro il mercurio il cui accumulo può causare danni al Dna. E’ efficace anche contro cadmio, piombo ed alluminio. E’ preferibile assumerlo assieme alla clorella per il massimo risultato. Anche la curcuma è un importante supporto contro i metalli: purifica il sangue e le sue proprietà, secondo alcuni studi, si potenzierebbero se usata in abbinamento al pepe nero. Non dimentichiamoci l’aglio che è una sorta di medicina naturale: serve per purificare il sangue e migliorare la circolazione, La presenza di selenio bioattivo lo rende il top nella lotta contro i metalli pesanti mentre lo zolfo contribuisce ad ossidare cadmio e piombo facendoli scegliere in acqua.

Nella lunga lista, poi, ecco comparire anche acqua e limone: berla il mattino a digiuno consente di pulire l’organismo favorendo l’eliminazione delle tossine e dei metalli pesanti. Ci sono inoltre la frutta e le verdure bio, gran toccasana. Quindi, la bentonite che è una particolare forma di argilla nota per le sue proprietà curative ed è utile per assorbire virus e tossine. Se poi tutto non bastasse, si può ricorrere allo psillio, conosciuto come Plantago ovata, in genere usato contro la stipsi. Spesso, infatti, l’accumulo di tossine e di metalli pesanti può essere legato ad un cattivo funzionamento dell’intestino. Contro i metalli pesanti, si può prendere lo psillio come integratore o decotto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA