Residence ospitava 4 case-squillo gestite da avvenenti prostitute

Sabato 9 Novembre 2019
Residence ospitava 4 case-squillo gestite da avvenenti prostitute

PADOVA - Residence "turistico" ospitava in realtà quattro case d'appuntamenti, attive giorno e notte, gestite da prostitute avvenenti dell'Est Europa e del Sud America. Dopo ripetute segnalazioni dei residenti, la Polizia locale di Padova della squadra Investigativa - Reparto Polizia Giudiziaria - è intervenuta l'altra sera in via Guizza, in 4 appartamenti di proprietà di una società con sede nel vicentino e di alcuni privati. I clienti trovati sul posto hanno immediatamente confermato di aver appena consumato un rapporto sessuale, pagando il corrispettivo richiesto per la la prestazione direttamente nelle mani della prostituta (importi da 30 a 100 Euro circa), all'interno dei locali presi in affitto.

Oltre 60 multe alle prostitute, ma non funzionano: «Qualcuna ne ha già prese diverse»

Porto Sant'Elpidio, prostituzione nelle vie del centro, la rivolta dei commercianti: «Così ci faranno chiudere»

Le prostitute prendevano in affito gli appartamenti tramite alcuni siti del settore alberghiero/turistico, modalità particolarmente agevole trattandosi di un residence con destinazione prevalente a struttura extra alberghiera del tipo "bed & breakfast". Una volta ottenuta la disponibilità dei locali, contattavano i potenziali clienti tramite internet, dando loro appuntamento nel residence. La Polizia Locale stava attenzionando la struttura (composta da circa 25 unità abitative) tramite specifici appostamenti già da qualche tempo, con assunzione di testimonianze da parte di clienti.

Ultimo aggiornamento: 11:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA