Ema non blocca AstraZeneca: «Benefici superiori ai rischi. Trombosi raro effetto collaterale». Summit tra i ministri europei sull'utilizzo

Mercoledì 7 Aprile 2021
Ema non blocca AstraZeneca: «Benefici superiori ai rischi. Trombosi raro effetto collaterale». Summit tra i ministri europei sull'utilizzo

Ema, l'Agenzia europea dela farmaco non ha bloccato il vaccino Covid AstraZeneca al termine della sua valutazione ribadendo che «I rischi sono maggiori dei benefici». Ma ricorda agli operatori sanitari la possibilità del verificarsi di rare trombosi entro due settimane dalla vaccinazione. L'orgniasmo europeo non ha posto limitazioni all'utilizzo. Alle 18 ci sarà un summit dei ministri della Salute europei per decidere una strategia comune nelle'Unione.

Coronavirus, balzo nei nuovi positivi nelle Marche: 286 in un giorno, quasi la metà nel Pesarese/ La mappa del contagio

«L'Ema - ha scritto l'Agenzia europea nella nota - ricorda agli operatori sanitari e alle persone che ricevono il vaccino di rimanere consapevoli della possibilità che casi molto rari di coaguli di sangue combinati con bassi livelli di piastrine nel sangue si verifichino entro 2 settimane dalla vaccinazione. Finora, la maggior parte dei casi segnalati si è verificata in donne di età inferiore a 60 anni entro 2 settimane dalla vaccinazione. Sulla base delle prove attualmente disponibili, i fattori di rischio specifici non sono stati confermati». «Le informazioni» del bugiardino del vaccino di  AstraZeneca saranno aggiornate e saranno diffusi «avvisi». Lo ha detto Sabine Straus della commissione per la valutazione del rischio dell'Ema.

 

Ultimo aggiornamento: 16:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento