Il contagio Covid frena nelle Marche, ma ancora troppi ricoverati e pochi vaccinati con la prima dose. Consegnate 45mila Pfizer

Mercoledì 7 Aprile 2021 di Matteo Mauri
Il contagio Covid frena nelle Marche, ma ancora troppi ricoverati e pochi vaccinati con la prima dose

ANCONA - Le Marche come un malato sulla via della guarigione,ma non ancora prossima, e con uno sforzo da fare in più per quanto riguarda la campagna vaccinale Covid. É la sintesi dei rapporti settimanale della Fondazione Gimbe e di Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) sulla pandemia di coronavirus. E intanto sono state consegnate alle Marche altre 45mila dosi Pfizer.

Coronavirus, balzo nei nuovi positivi nelle Marche: 286 in un giorno, quasi la metà nel Pesarese/ La mappa del contagio

Le Marche sono sotto la media nazionale sia per quanto riguarda i positivi per 100mila abitanti che per l'incremento percentuale de contagi, ma scontano ancora una pressione eccesiva sugli ospedali, sia terapie intensive che non. Per quanto riguarda i vaccini le Marche sono sopra media nazionale per persone vaccinate totalmente e per la campagna diretta agli over 80, ma stentano sulle prime dosi.

 

CONTAGI E RICOVERI

Nei dati Agenas si legge che le Marche hanno 555 positivi ogni 100mila abitanti, poco più della metà della media nazionale (922). Sopra media, invece, i ricoverati in terapia intensiva: sono 9,29 contro i 6,21 di tutta Italia. E sono proprio le terapie intensive il tasto dolente: nelle Marche risultano occupate al 57% da pazienti Covid. Meno del picco del 25 marzo scorso (63%), ma comunque decisamente più della media nazionale (41%) e della soglia di allarme (30%). Analogo andamento anche per i reparti non intesivi, con un tasso di occupazione del 56% (Italia 44%), comunque in discesa rispetto al 65% del 22 febbario scorso.

Covid, impennata di ricoveri. Vaccini, serve uno sforzo decisivo. Acquaroli: «Acceleriamo». E intanto arriva Figliuolo

VACCINI

Anche per quanto riguarda la campagna vaccinale le Marche sono meglio della media nazionale per alcuni fattori e peggio per altri. Secondo il Gimbe, infatti, sono penultime (davanti solo alla Calabria), per persone che hanno ricevuto soltanto la prima dose (5,2%, contro una media nazionale di 6,8%), ma sopra media e tra le migliori con il 6,8% di cittadini immunizzati con la seconda dose (Italia 5,2%). Sopra media anche la campagna diretta agli over 80: il 41,2% ha ricevuto anche la seconda dose (Italia 32,9%), il 26,8% soltanto la prima (27,9%).

Intanto il sistema governativo ha registrato l'arrivo nelle Marche di 45.630 dosi di vaccino Pfizer. Con questo carico, il più cospicuo mai consegnato, le Marche hanno a disposizione 426.040 dosi di vaccino, di cui 312.111 inoculate. La percentuale del 73,4% pone le Marche poco al di sotto della media nazionale (74,7%) e a "metà classifica" tra le regioni italiane.

  

Ultimo aggiornamento: 8 Aprile, 10:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento