Focolaio Covid a scuola, 16enni contagiati dopo il pigiama party, ma i genitori li giustificano

Lunedì 15 Febbraio 2021
Focolaio Covid a scuola, 16enni contagiati dopo il pigiama party, ma i genitori li giustificano

Otto studenti di 16 anni contagiati dal Covid dopo un "pigiama party" organizzato nel weekend a casa di uno di loro, che aveva un parente positivo al coronavirus. Accade a Bologna, dove una classe di un liceo è in quarantena per un focolaio scoppiato dopo la festa a casa di uno degli studenti a cui hanno partecipato altri sette compagni di classe. È in corso uno screening al gruppo di alunni sedicenni.

Coronavirus, crollano i tamponi ma sono 128 i nuovi positivi nelle Marche: il 70% nell'Anconetano/ I contagiati nelle regioni

 

Mercoledì un paio di ragazzi erano assenti perché a casa con sintomi. È emerso allora che sabato, dopo aver passato la giornata insieme, in sette si erano fermati a dormire a casa di un compagno. Uno di loro martedì ha scoperto di avere un parente convivente positivo al coronavirus. Almeno sei i contagiati e la necessità di fare il test a tutta la classe - che sta seguendo la didattica in presenza al 50% - visto che hanno avuto contatti con i partecipanti alla festa.

L'incubo di un nuovo lockdown agita il capoluogo: «La zona rossa sarebbe devastante»

Dai genitori del ragazzo che aveva organizzato il party, è arrivata poi una pezza peggiore del buco: mamma e papà del sedicenne "promotore" della serata si sarebbero da un lato scusati con la scuola ma dall'altro avrebbero anche giustificato quanto accaduto con la difficile condizione psicologica dei ragazzi in questo periodo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA