Burioni positivo al Covid: «Il vaccino ormai protegge poco ma evita conseguenze gravi»

Il virologo in collegamento da casa a "Che tempo che fa": "Sono qui grazie al vaccino". Positiva anche Filippa Lagerback

Burioni positivo al Covid: «Il vaccino protegge ormai poco ma evita conseguenze gravi»
Burioni positivo al Covid: «Il vaccino protegge ormai poco ma evita conseguenze gravi»
4 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Ottobre 2022, 07:29 - Ultimo aggiornamento: 09:27

Roberto Burioni è positivo. Ma, dice il virologo, «il vaccino fa sì che io possa essere qui e non in ospedale, con febbre, tosse, mal di testa e una voce alla Barry White: tutto sommato è una malattia che non è particolarmente grave. Questo grazie al vaccino. Io ho fatto la settimana scorsa la quarta dose, penso che questo sia stato importante per far sì che la malattia non sia grave. Dobbiamo prendere atto di una cosa: lo scenario è completamente cambiato da quello dello scorso anno con l'arrivo della variante Omicron 1 e 2 prima e poi la variante Omicron 5 poi, che io mi sono molto probabilmente preso». Così ha spiegato Burioni stesso, in collegamento da casa perché malato di Covid, ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa su Rai3.

«Il vaccino non ha più una grande efficacia nel proteggere dall'infezione, mentre lo aveva fino alla variante Delta e quindi aveva un senso renderlo obbligatorio per i sanitari e il Green Pass. Io sono l'esempio di come il vaccino non protegga contro l'infezione. Il vaccino è molto efficace nell'evitare conseguenze molto gravi. Abbiamo un virus contagiosissimo e quindi dobbiamo proteggerci. Con questo virus dobbiamo conviverci, a meno di vaccini miracolosi che non si vedono però all'orizzonte, questo virus è il quinto coronavirus che interessa l'uomo. Non possiamo in questo momento pensare a nuovi lockdown, alla chiusura delle scuole, dobbiamo accettare che questo virus circoli», dice Burioni.

Covid, Bassetti: «Stop alla quarantena per i positivi. Portogallo e Australia hanno già tolto l'obbligo»

Vaccino anti-Covid, nelle donne «la risposta è migliore ma l'effetto cala più in fretta»: lo studio dell'Iss

«L'approccio alla cinese non funziona ed è molto dannoso per l'economia e tante altre cose. Per prima cosa dobbiamo far sì che questo muro d'immunità che ci protegge dalle conseguenze gravi sia il più forte possibile, possiamo farlo con i vaccini. In generale dobbiamo ricordarci che una malattia così contagiosa, anche se causa una sindrome lieve, può portare gravi danni: non tanto al singolo, ma alla collettività. Io domani non andrò in ospedale e non farò lezione, se si contagiano un gran numero di guidatori di autobus, il trasporto pubblico si ferma. Così come per scuole e ospedali. La legge - aggiunge Burioni - dice che oggi le mascherine non sono obbligatorie, ma dice anche che posso tenere aperta la mia decappottabile quando piove. Però io non lo faccio. Dobbiamo agire con il buonsenso, usare la mascherina quando siamo in zone affollate, al chiuso come in un teatro, in un cinema, in un treno. Vorrei invitare chi sta male a non andare a lavorare, state a casa. È una regola generale, che valeva anche nel 2018 quando c'era solo l'influenza».

 

Anche Filippa Lagerback, presenza fissa del talk show, non era in studio perché positiva al Covid. «Ahimé sono risultata positiva - ha spiegato Lagerback in collegamento da casa - è un Covid svedese, arrivato con la valigia della mamma. Sono raffreddata, ho avuto un po' di febbre. Bisogna stare attenti», ha sottolineato prima di chiudere con un sorriso: «Ho spedito mio marito (Daniele Bossari, ndr) in albergo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA