Burioni: «Ho paura dell'ago, ma il giorno del vaccino è stato il più bello»

Venerdì 21 Maggio 2021
Burioni: «Ho paura dell'ago, ma il giorno del vaccino è stato il più bello»

Anche un esperto di vaccini come il professor Roberto Burioni ha paura dell'ago. «Non mi fa piacere sottopormi a punture – ha raccontato in un'intervista video al Corriere della Sera –. Ma il momento in cui mi hanno vaccinato è stato il più bello della mia vita». Burioni era al Burger King in viale Tibaldi, a Milano, per discutere di vaccini e complimentarsi con i manager italiani della catena di fast food Usa, che hanno realizzato un hub dove, tra un mese, si vaccineranno 4000 dipendenti e altrettanti ristoratori concorrenti. Ma sono anche altre le curiosità svelate dal virologo del San Raffaele.

Burioni: «Abbracci al chiuso? Andarci con i piedi di piombo». Galli: immunità gregge con il vaccino ai giovani

Il calcio - Burioni racconta anche della sua passione calcistica per la Lazio, nata durante l'Università. Poi il monito: «Essere anti-vaccinisti è come essere contro estintori o le cinture sicurezza. Dopo l'acqua potabile, i vaccini sono quelli che hanno salvato più vite nel mondo». E aggiunge: «L'unica soluzione che ci tirerà fuori da questa tragedia è il vaccino».

La politica – Matteo Renzi, leader di Iv, voleva candidare Burioni, ma lui rifiutò. «Mi disse: "Vuoi rovinarti la vita per fare qualcosa per il suo Paese?” Ho rifiutato perché pensavo di essere più utile fuori. E ci sono riuscito – spiega al Corriere della Sera –. Siamo amici con Renzi e lo stimo, ma così ho potuto informare in modo indipendente e senza mai essere identificato con un partito politico. Non ho nei miei programmi la politica. Però mai dire mai».

Il sogno - Alla domanda su qual era il sogno da bambino, Burioni esita e poi risponde: «Da piccolo volevo fare il camionista. Poi il pianista, ma è stata una cosa forzata». Evidentemente i genitori l'hanno costretto a imparare a suonare. Anche se un modo per diventare popolare l'ha trovato. «Ora la gente mi riconosce per strada». E questo, soprattutto, per le apparizioni in tv.

Gli sbagli - Il virologo ammette i suoi errori su alcune dichiarazioni. «Ho sbagliato – prosegue –. Dicevo che le mascherine non servivano. Ma perché non inizialmente non pensavo che il virus potesse essere trasmesso dal 50% degli asintomatici». C'è un altro errore che Burioni ha commesso, ed è stato proprio sui vaccini. «Ho detto che ci sarebbero voluti due anni e invece sono bastati 10 mesi. Uno sbaglio, per fortuna».

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 23:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA