San Benedetto, atti vandalici nella notte
movida fracassona fuori controllo

San Benedetto, atti vandalici nella notte movida fracassona fuori controllo
2 Minuti di Lettura
Domenica 6 Dicembre 2015, 15:58

​SAN BENEDETTO - E' stata un'altra nottata di caos, quella vissuta tra sabato e domenica, per le vie del centro cittadino.
Agli schiamazzi e ai cori da stadio che hanno accompagnato l'intera nottata del quadrilatero, si sono aggiunti atti vandalici che, questa volta, hanno provocato seri danni a strutture e abitazioni.

Dopo le feci lasciate davanti ai portoni qualche giorno fa, la scorsa notte, un portone, lo hanno proprio sfondato. Qualcuno - testimonianze dei residenti parlerebbero di due o tre ragazzi - ha infatti sfondato a calci il portone di un'abitazione di via Gentili, una piccola tatraversa che si trova nel reticolato di strade poste tra via Pizzi e via Montebello, attualmente disabitata. L'episodio sarebbe avvenuto pochi minuti dopo la mezzanotte.

Ma nel corso della nottata è stato compiuto un ulteriore atto vandalico. Qualcuno ha infatti preso a calci una delle vetrine della Gelateria delle Rose di viale Secondo Moretti distruggendo l'intero pannello. A rendersi conto dell'accaduto è stato il titolare. I teppisti non sarebbero neppure entrati nel locale. Un atto vandalico fine a sé stesso come quelli che, da anni ormai, affliggono il centro cittadino. In più, nell'area di via Cairoli, via Balilla e delle altre strade che si trovano tra via Crispi e via Mazzocchi, sono state segnalati numerosi danneggiamenti ad autovetture in sosta come specchietti laterali danneggiati o addirittura divelti e tergicristalli letteralmente sradicati dalle auto.

Ma oltre a questi ennesimi atti vandalici sono continuati per ore, nella stessa zona, schiamazzi di ogni genere che hanno tenuto svegli in molti. Con l'avvicinarsi del periodo di festa questi episodi stanno tornando pesantemente di attualità. Ed è per questi motivi che è stata organizzata, per giovedì sera alle 21, un'assemblea di residenti che si terrà nel teatro parrocchiale Don Bosco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA