La beffa dopo gli ombrelloni rimossi. Ora nel tratto di spiaggia c'è chi pianta il parasole e chi gioca a calcio

La beffa dopo gli ombrelloni rimossi. Ora nel tratto di spiaggia c'è chi pianta il parasole e chi gioca a calcio
La beffa dopo gli ombrelloni rimossi. Ora nel tratto di spiaggia c'è chi pianta il parasole e chi gioca a calcio
di Laura Ripani
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Agosto 2022, 05:10 - Ultimo aggiornamento: 15:14

SAN BENEDETTO - Dal dramma alla farsa, ma ciò che conta, alla fine, è che nessuno è rimasto a piedi. Un Ferragosto con la metà degli ombrelloni è quello che già si è vissuto negli ultimi due anni a san Benedetto, ma stavolta il distanziamento da Covid non c’entra.

Il tutto esaurito è stato centrato e, forse, se si vuole qualcosa in più va programmato, aumentato il numero degli hotel - non ridotto concedendo le trasformazioni in residence - aggiornando il Piano di spiaggia. Buono il numero degli eventi, almeno uno a sera, non tutti capaci di attirare folle oceaniche ma l’accoglienza è garantita. Anche per gli stranieri, attirati dai concerti nei quali non serve conoscere la lingua. Dunque tutto bene? Non proprio. Il caso che ha scosso la Riviera è finito sui giornali nazionali e in Tv. Sempre meglio dei coliformi fecali della Romagna, ma certo voler strafare, prima con gli scontrini alle stelle e poi con i troppi ombrelloni ha dato l’immagine di una città che il turista lo vuole un po’ spremere.

E così c’è qualcuno che ci ha messo del suo per sbertucciare i concessionari, piazzando i propri ombrelloni, comprati magari a pochi euro al supermercato, davanti alle attuali prime file pagate a peso d’oro dai narcisisti dell’abbronzatura. Un po’ per necessità - non si trovava posto - un po’ per ironia, quello spazio enorme prima di arrivare al mare è stato occupato in maniera disordinata e un po’ accampata, da chi rivendicava giustamente il diritto di “posteggiare” sulla spiaggia libera. Ancor meglio hanno fatto i ragazzini che si sono visti davanti una prateria dove emulare i propri campioni appena scesi in campo per il campionato, e cominciare a tirar calci. Anche qui, complice magari un po’ troppa birra e gli ormoni adolescenziali, c’è scappata la rissa. In uno chalet della Riviera dove i clienti si sono sentiti infastiditi dalla pallonate di troppo e hanno pure chiamato le forze dell’ordine. C’erano una volta, insomma, i gavettoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA