San Benedetto, macerie del sisma
Oltre 100 tonnellate smaltite in Riviera

Macerie del terremoto
Più di cento tonnellate
smaltite in Riviera
SAN BENEDETTO - Stanno per  arrivare nel quartiere Agraria 562mila tonnellate di macerie provenienti dai territori del sisma, che conterrebbero 110 tonnellate di amianto. A lanciare il grido di allarme è il consigliere regionale del Movimento Cinque stelle Peppe Giorgini che ha già pronta una diffida a tutela, da inviare agli enti interessati da tale operazione. Allo stesso tempo il pentastellato, bocciando questa soluzione, propone un’alternativa con lo smaltimento delle macerie nelle cave presenti lungo il territorio piceno.

Lo scorso 6 febbraio la Regione ha emesso un decreto con cui è stato scelto un deposito a Centobuchi, nella zona industriale, dove depositare le macerie provocate dal terremoto ad Arquata e Pescara del Tronto. Dopo due giorni un altro decreto ha assegnato alla Picenambiente il compito dello smaltimento. Si tratta di 562mila tonnellate di macerie che conterrebbero 110 tonnellate di amianto. Macerie che da Centobuchi poi verrebbero trasferite e trattate presso un’azienda al quartiere Agraria a San Benedetto. Per questo motivo Giorgini ha diffidato la Regione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 27 Luglio 2017, 15:54 - Ultimo aggiornamento: 27-07-2017 15:54

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO