Dodicenne in monopattino investito da un'auto, momenti di paura sulla strada Salaria

Lunedì 6 Dicembre 2021 di di Emidio Lattanzi
Il parabrezza dell'auto infranto

SAN BENEDETTO  - Quando i carabinieri gli hanno tolto la patente ha perso la testa e ha iniziato a colpire con il cric la propria auto. È accaduto nella notte tra sabato e domenica in via Torino, sulla Salaria, a Porto d’Ascoli, Protagonista un trentenne di origini albanesi che era stato fermato dai carabinieri che avevano intercettato il veicolo notando che sbandava in maniera evidente. Così hanno deciso di fermare quella macchina e controllare il trentenne che era al volante.

 

 
L’etilometro
L’uomo è subito sembrato in condizioni psicofisiche tutt’altro che adatte alla guida di un veicolo. Lo hanno sottoposto all’etilometro ed è venuto fuori che aveva un tasso alcolemico di 2.3, vale a dire quasi cinque volte superiore al limite di legge. Così i militari gli hanno notificato il sequestro dell’auto, un’Audi A3, e il ritiro della patente. Di fronte a quella notizia l’uomo ha iniziato a dare in escandescenze. Prima ha iniziato ad alzare la voce e poi ha iniziato a prendersela con il proprio veicolo arrivando a colpirlo con il cric che si trovava nel bagagliaio. È stato provvidenziale l’arrivo di alcuni familiari che lo hanno portato via evitando guai peggiori. Non è stata l’unica patente saltata nella notte. Il bilancio dei controlli anche da parte della municipale parla di due patenti ritirate: una a un uomo di 40 anni con un livello di quasi quattro volte il limite consentito dalla legge mentre un ventitreenne è stato “beccato” con quasi il doppio del limite. A entrambi è stata ritirata la patente. 


L’incidente
Poche ore prima, nella tarda serata, si era invece registrato un incidente che aveva suscitato parecchia apprensione. Sono infatti stati momenti di paura per un ragazzino di origini romene di 12 anni che è stato investito da un’auto mentre stava attraversando, sul suo monopattino, il lungomare all’altezza del ponte sull’Albula. L’auto, una Fiat Panda, era guidata da una donna che si è subito fermata a prestare soccorso. Il dodicenne era insieme al fratello al momento dell’incidente. Dopo l’urto il ragazzino è finito prima sul cofano e poi sul parabrezza, sfondandolo. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118. Il dodicenne è stato trasportato in ospedale, le sue condizioni non sarebbero gravi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA