Guasto alla condotta idrica, rubinetti a secco anche per diciotto ore

Domenica 26 Luglio 2020 di Emidio Lattanzi
San Benedetto, guasto alla condotta idrica, rubinetti a secco anche per diciotto ore

SAN BENEDETTO - In alcuni quartieri di San Benedetto l’acqua è tornata soltanto poco prima delle sette di ieri mattina. In altre zone soltanto quando il sole era molto alto in cielo. E mancava dal pomeriggio di venerdì. Sono state diciotto ore da incubo quelle vissute in decine e decine di abitazioni sambenedettesi che, intorno alle 17 di venerdì, hanno visto i propri rubinetti restare completamente a secco. In più parti della Riviera delle Palme è infatti mancata l’acqua, improvvisamente e senza alcun preavviso. 

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, ancora 24 ore con zero morti: nelle Marche nessuna vittima da quaranta giorni/ Il contagio nelle regioni in tempo reale

Tornano a crescere dopo mesi i ricoverati per Coronavirus nelle Marche: ce n'è uno in più a Pesaro

Si parla di diverse abitazioni di viale De Gasperi, di via Gino Moretti, via Fileni, via Bastioni, via Conquiste, parte di via Case Nuove, tutte le strade che collegano l’area dell’Albula al Paese alto e alcune abitazioni che sono dislocate nell’area di via Saffi e del tratto centrale di corso Mazzoni, quello a ridosso dell’ex palazzo comunale. Migliaia di persone che si sono trovate a fare i conti con un disservizio causato da un guasto che la Ciip, nottetempo, ha provveduto a riparare ma il ritorno alla normalità è stato lento e, in molti casi, snervante. 
 
Lunghe ore di attesa 
Alcune abitazioni hanno infatti visto i propri rubinetti tornare ad erogare acqua soltanto a ridosso dell’ora di pranzo mentre i più fortunati hanno potuto utilizzare bagni e cucine intorno alle 7 del mattino anche se la pressione era minima e nei condomini con più di tre piani l’acqua, ai livelli superiori, non è riuscita ad arrivare per diverse ore. 
Lo stop all’improvviso 
Inutile dire che la tensione è salita alle stelle dal momento che se l’attuale crisi idrica ha consentito alla Ciip di avvisare i residenti delle zone interessate dallo stop dell’erogazione, migliaia di persone ieri si sono ritrovate senz’acqua senza alcun preavviso e in un momento particolarmente complicato della giornata. In piena estate rimanere senz’acqua corrente sia a sera che al mattino ha creato enormi disagi nelle famiglie ma anche in alcune attività commerciali. Chi aveva l’autoclave è riuscito ad andare avanti anche se in molti casi, soprattutto nei condomini particolarmente abitati, la scorta d’acqua era finita già poco dopo le sette di ieri mattina. Lungo il territorio si sono registrati, in passato, precedenti simili a quanto avvenuto nelle ultime ore. Uno dei peggiori è quello che accade quattro anni fa a Grottammare quando quasi tutta la città rimase senz’acqua per la rottura di una condotta principale. Gli addetti ai lavori lavorarono per un pomeriggio e una notte interi dal momento che, considerata l’enorme portata d’acqua, si rese necessario attendere delle ore per far svuotare le tubature e poter intervenire sul guasto. Quindi si rese necessario ripristinare l’erogazione. Trascorsero oltre ventiquattro ore prima che i rubinetti tornassero a funzionare regolarmente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA