Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Via libera dal Cts, dal 15 febbraio si torna a sciare sulle piste di Monte Piselli

Via libera dal Cts, dal 15 febbraio si torna a sciare sulle piste di Monte Piselli
di Pierfrancesco Simoni
4 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Febbraio 2021, 06:05

ASCOLI - Il Comitato tecnico scientifico ha detto sì alla riapertura degli impianti sciistici a partire dal 15 febbraio, ma solo in zona gialla. Semaforo verde, dunque, per la stazione sciistica di Monte Piselli. È stata scelta questa data perché coincide anche con la scadenza del divieto di spostamento tra le Regioni. L‘Abruzzo, dove sono ubicati gli impianti, è in zona gialla, come le Marche. Gli impianti possono essere utilizzati anche dagli ascolani.

«Accogliamo con estrema soddisfazione - ha affermato il presidente del consiglio di amministrazione del Consorzio dei Monti Gemelli, Enzo Lori - questo provvedimento. Ci fa ben sperare che gli ascolani possano usufruire degli impianti di Monte Piselli. Almeno da una prima interpretazione delle carte sembra essere così. Il gestore può procedere. Siamo una piccola stazione sciistica e possiamo più facilmente permetterci di essere conformi al Dpcm. Non abbiamo le criticità delle grandi stazioni sciistiche». 
In realtà, gli impianti di Monte Piselli sono già fruibili da parte delle scuole di sci. Una volta ottenuto l’ok al collaudo da parte dell’Ustif di Pescara, l’ufficio preposto a rilisciare le autorizzazioni, eravamo al 17 gennaio scorso, la seggiovia ha cominciato a muoversi. Prima per i ragazzi che fanno agonismo, poi per un modulo del comitato Marche-Umbria per la preparazione dei maestri di sci. Proprio mercoledì, inoltre, si è tenuta una gara, il Trofeo Giammiro, e sabato è in programma un’altra competizione, entrambe sotto l’egida del comitato locale, al quale c’è da immaginare prenderanno parte atleti anche di altre regioni del centro Italia perché i posti per sciare sono davvero pochi. Per quanto riguarda le gare, nel corso della stagione, neve permettendo, sono in programma altre tre manifestazioni. 

Il gestore, la Remigio Group, opera a pieno ritmo. «Gli impianti - afferma Emidio D’Agostino - sono in funzione già da dieci giorni e siamo pronti ad ospitare gli sciatori, ma anche le famiglie. Speriamo che nevichi ancora da qui al 15 febbraio perché ha tirato vento che ha portato via un po’ di neve che si era accumulata. Per quanto riguarda le tariffe per l’utilizzo degli impianti, alcune rimarranno uguali all’ultima stagione (quella di due anni fa, visto che lo scorso anno non si è potuto sciare, ndr), altre subiranno dei lievissimi ritocchi. Del resto, la stagione invernale, per tanti motivi, è partita in ritardo e rischiamo davvero di non rientrare nelle spese. Non abbiamo ancora predisposto un tariffario, anche perché non c’è stata mai chiarezza sulla data di riapertura degli impianti». Le ultime tariffe disponibili, relative alla stagione 2018-2019 erano le seguenti: l’abbonamento giornaliero per poter usufruire della seggiovia e del tapis roulant del campo scuola costava 22 euro; l’abbonamento mattutino fino alle 12.30 era di 18 euro mentre per quello del pomeriggio, dalle 13, era di 13 euro. Più basse erano le tariffe nei giorni feriali: il giornaliero era di 16 euro, il mattiniero di 14 e l’abbonamento pomeridiano 10. Il biglietto di andata e ritorno era di 5 euro mentre il prezzo del biglietto di solo andata era di 3. Sono previste riduzioni per gli over 65 e i bambini sotto a 10 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA