Ascoli, insulta i poliziotti: torna in carcere lo straniero ai domiciliari per rissa

Giovedì 30 Luglio 2020
Ascoli, insulta i poliziotti: trona in carcere lo straniero ai domiciliari per rissa

ASCOLI - Prende a male parole i poliziotti, condotto di nuovo in carcere il cittadino marocchino che, un mese e mezzo fa, si rese protagonista di una violenta rissa ad Ascoli Piceno, nella centrale Piazza del Popolo, in cui rimasero coinvolte sei persone, tutte poi arrestate in flagranza di reato dalle pattuglie della squadra volanti della Questura e del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri.

LEGGI ANCHE:
Si stacca un pezzo della pressa e centra in pieno l'operaio: arriva l'eliambulanza

Pesaro, i ladri entrano in casa ma trovano un 20enne: lo sequestrano e ripuliscono anche l'appartamento al piano di sopra
 
E’ accaduto quando l’uomo agli arresti domiciliari, è stato raggiunto a casa dagli investigatori della Squadra Mobile, che gli hanno notificato un provvedimento emesso dal Tribunale ascolano, con cui il Gip ha deciso di aggravare quella misura restrittiva, disponendo la traduzione dello straniero dalla propria abitazione al carcere di Marino . Il motivo dell’inasprimento della pena ha trovato origine nella perdurante condotta criminale dell’uomo che, insofferente ai controlli previsti per chi si trova agli arresti domiciliari, pochi giorni fa ha apostrofato in malo modo e minacciato l’equipaggio di una Volante, che si era recato a casa sua per verificare che tutto fosse in regola. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA