I contributi a 375 famiglie per pagare canoni d’affitto: i morosi del 2021 esclusi dagli aiuti

I contributi a 375 famiglie per pagare canoni d affitto: i morosi del 2021 esclusi dagli aiuti
I contributi a 375 famiglie per pagare canoni d’affitto: i morosi del 2021 esclusi dagli aiuti
di Luca Marcolini
4 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Marzo 2022, 04:45

ASCOLI  - Nell’uovo di Pasqua, ci sarà un contributo sull’affitto per 375 famiglie ascolane (il 40% in più rispetto all’anno precedente) che nonostante le difficoltà economiche hanno comunque cercato di pagare i canoni. Un contributo dell’Arengo quale aiuto anche nell’ottica di evitare ogni eventuale procedura di sfratto.

In tale direzione arriva, infatti, un ulteriore sforzo dell’Amministrazione comunale - su input del sindaco Marco Fioravanti e dell’assessore alle politiche sociali e abitative, Massimiliano Brugni – per accontentare tutti i nuclei familiari inseriti nella specifica graduatoria delineata dopo l’arrivo delle domande a fine 2021. 


Stavolta, infatti, ai circa 282mila euro stanziati dalla Regione si sommano 60mila euro di fondi comunali e ulteriori 80mila euro circa di fondi statali che lo stesso Arengo aveva precauzionalmente accantonato. Per un totale di circa 422mila euro. E adesso gli uffici preposti stanno accelerando le procedure di erogazione per far arrivare questi contributi (variabili in base al reddito Isee e all’importo dei canoni di affitto pagati) prima delle festività pasquali.

«Alla luce dell’attuale scenario – spiega il sindaco Fioravanti – l’Amministrazione ha voluto mettere in campo più risorse per aiutare le numerose famiglie in difficoltà, considerando che, in questo momento in cui si registrano importanti aumenti dei prezzi e delle bollette, come Comune vogliamo essere vicini alle persone più fragili». «Con accortezza – aggiunge l’assessore Brugni – l’ente aveva accantonato ulteriori soldi proprio per ammortizzare bene le varie richieste in questa fase di emergenza. Con questi contributi, che verranno erogati prima di Pasqua, garantiremo una boccata di ossigeno a tutte le 375 famiglie ammesse in graduatoria, a seguito della documentazione degli avvenuti pagamenti dei canoni di affitto nel 2021, proprio perché l’obiettivo è scongiurare ogni potenziale procedura di sfratto. Nel frattempo, con i nostri uffici per le politiche sociali stiamo intervenendo con il pagamento di qualche bolletta, esaminando di volta in volta le richieste più urgenti, per aiutare in maniera mirata alcune famiglie a basso reddito e in gravi difficoltà». 


La motivazione, alla base del potenziamento delle somme che l’Arengo erogherà per aiutare tutte le famiglie (con un certo tetto di reddito Isee) che avevano chiesto un contributo per l’affitto, è quella di una «situazione emergenziale dovuta alla diffusione del Covid 19 che ha avuto forti ripercussioni nel tessuto sociale, comportando un aggravamento della situazione di disagio socio-economico delle famiglie». Il contributo in questione è destinato a quegli utenti che hanno un regolare contratto di locazione ed hanno assolto al pagamento dei canoni, con ricevute presentate al Servizio politiche abitative, nel corso del 2021 (per i morosi, invece, ci sono contributi con altro bando). 

La somma che sarà erogata a ciascun nucleo familiare viene determinata in modo direttamente proporzionale alle mensilità effettivamente pagate ed all’incidenza del canone rispetto al reddito Isee del beneficiario. In graduatoria potevano essere ammesse le famiglie con un canone di locazione, al netto degli oneri accessori, non superiore ai 700 euro e con un reddito che, come valore Isee, doveva rientrare in una delle seguenti fasce: per la fascia A, reddito di importo non superiore a 5.983,64 euro, con un’incidenza della spesa di locazione non inferiore al 30%, mentre per la fascia B reddito non superiore ad 11.967,28 euro, con un’incidenza della spesa di locazione non inferiore al 40%. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA