Elica, muro contro muro in Regione. I sindacati: «Esuberi da ritirare», l'azienda: «Doloroso ma inevitabili»

Venerdì 9 Aprile 2021 di Aminto Camilli
La protesta dei lavoratori della Elica davanti alla Regione

FABRIANO - Scatta il confronto Elica-sindacati, si confermano abissali le distanze tra le parti. Quello di ieri sera in Regione è stato soltanto un primo approccio tra azienda e parti sociali, dopo l’annuncio da parte del management del piano di riorganizzazione che prevede ben 409 esuberi su 560 dipendenti totali degli stabilimenti di Mergo e Cerreto d’Esi, il trasferimento del 70% della produzione italiana in Polonia, nonché la chiusura dell’impianto cerretese e di interi reparti del sito di Mergo.

 

Tuttavia, è stato più che sufficiente per capire che la trattativa sarà davvero lunga e dovrà necessariamente coinvolgere anche le istituzioni ai massimi livelli, ministero dello Sviluppo economico in primis.


Il vertice
Ieri, intanto, è stata l’amministrazione regionale (presenti alla riunione il presidente Francesco Acquaroli, il vicepresidente Mirco Carloni, l’assessore al Lavoro Stefano Aguzzi e quello alla Cultura Giorgia Latini) a convocare i vertici aziendali e i rappresentanti di Fim, Fiom e Uilm per conoscere nel dettaglio le intenzioni di Elica e la posizione dei sindacati. L’azienda ha ribadito di essersi sempre distinta per la sua disponibilità al dialogo, anche di fronte a situazioni difficili, accettando subito di aderire al tavolo di confronto proposto dalla Regione Marche. E ha rimarcato la convinzione di trovarsi davanti a una situazione che impone lungimiranza e capacità di visione futura, con l’obiettivo fondamentale di salvaguardare il Gruppo e il mantenimento dell’occupazione sul territorio, un’occupazione che attualmente è di 1.094 persone nella sola provincia di Ancona. 

LEGGI ANCHE:

Mario Draghi: «Vaccino prima gli over 60, con che coscienza si saltano le liste? Riaperture sì, ma non ho una data»

Dal freddo invernale (in Abruzzo 22,6 gradi sotto zero) alle piogge autunnali, ecco che tempo farà nel weekend. Pioggia? Dove e quando


«La perdita di competitività nel settore B2B, il fatto che i nostri competitor abbiano già de localizzato le produzioni, l’insostenibile perdita di profittabilità nell’area Cooking Italia - ha sottolineato l’amministratore delegato Giulio Cocci - rendono questo piano inevitabile, seppur doloroso. L’alternativa sarebbe quella di aggiungere anche il nostro nome tra le società del Fabrianese che in passato erano aziende e oggi, se non sono fallite, si sono trasformate in piccoli stabilimenti ristrutturati di qualche gruppo straniero. Non è il futuro che vogliamo per Elica».

Le organizzazione sindacali, che ieri in tarda mattinata avevano allestito un presidio davanti a Palazzo Leopardi, hanno annunciato per oggi un commento dettagliato all’illustrazione fatta dal management aziendale, ma secondo serie indiscrezioni Fim, Fiom e Uilm si sono opposte in maniera assai risoluta a un progetto che reputano estremamente dannoso per il distretto industriale fabrianese e non solo. Secondo le parti sociali, «il piano è inaccettabile, deve cambiare sostanzialmente, non con semplici modifiche, magari inerenti al numero di esuberi. Devono essere mantenuti i livelli occupazionali e il lavoro». I rappresentanti di Fiom-Fim-Uilm incalzano: «Ne devono presentare un altro di piano». E, nel contempo, assicurano: «Se il lavoro e la produzione rimangono nel territorio, siamo pronti a lavorare con l’azienda per individuare tutte le soluzioni per il risvolto occupazionale». 


La distanza 
Il governatore Acquaroli ha tenuto a ribadire che «la difesa del territorio è l’obiettivo che vogliamo raggiungere in questa vertenza e come missione di governo regionale. Metteremo in campo tutte le risorse che abbiamo in termini di conoscenze, relazioni istituzionali e finanziarie per cercare di risolvere questa difficile situazione». L’assessore Aguzzi ha ammesso che «c’è una distanza significativa tra azienda e sindacati, poiché Elica ha posto in discussione con fermezza un ridimensionamento fortissimo per intavolare una trattativa e giungere a un accordo. Ora, gli incontri proseguiranno unilateralmente, per capire se si può effettivamente arrivare a una sintesi. Non escludo, comunque, di portare la questione su un tavolo nazionale». 

Ultimo aggiornamento: 11:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA