Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Piazza Simoncelli, il restyling tanto atteso (almeno per ora) è rinviato

Piazza Simoncelli, il restyling tanto atteso (almeno per ora) è rinviato
Piazza Simoncelli, il restyling tanto atteso (almeno per ora) è rinviato
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Ottobre 2020, 11:56

SENIGALLIA  - Resta nel cassetto il progetto di riqualificazione di piazza Simoncelli, dove non verrà aperto il cantiere prima dell’anno nuovo. Nonostante gli scavi archeologici siano terminati prima del previsto, il nuovo sindaco non intende appaltare il progetto approvato dalla Giunta Mangialardi. «Prima del nuovo anno non aprirà alcun cantiere – spiega Massimo Olivetti – oltretutto la zona sarà già sotto pressione per via dei lavori del ponte 2 Giugno». Entrando nel merito del progetto aggiunge. «Personalmente non mi convince, però non deve piacere a me ma ai senigalliesi, visto che io sono qui per rendere un servizio a loro, saranno i cittadini ad esprimersi tramite un confronto. Al momento non è una priorità. Lo sono invece i parcheggi che sono stati ripristinati e che saranno utili in questi mesi, visto che altri saranno sacrificati per il cantiere del ponte».

Sulla necessità di riqualificare la piazza il nuovo sindaco è d’accordo ma il progetto scelto dalla Giunta Mangialardi, che già aveva subito una modifica, non lo fa impazzire. Deve comunque piacere ai senigalliesi e non a lui. Questo ci tiene a precisarlo. Gli scavi sarebbero dovuti terminare il 20 ottobre e per i primi di novembre il mercato sarebbe tornato nella sua storica collocazione. In realtà da qualche giorno tutto è tornato al suo posto. A questo punto l’ente potrebbe preparare il bando ma non lo farà. Prima di appaltare i lavori di riqualificazione infatti serviva il via libera della Soprintendenza perché, nel caso fossero stati trovati reperti di interesse archeologico, il progetto sarebbe stato da rivalutare. Ciò non è accaduto perché a parte le mura del vecchio ghetto ebraico e qualche ossa non è emerso altro. Gli scavi sono stati quindi ricoperti e la piazza è tornata a diventare un parcheggio, con il mercato la mattina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA