Un chilo di droga e 20mila euro: il pusher finto povero espulso dal programma di sostegno

Domenica 17 Novembre 2019
Senigallia, un chilo di droga e 20mila euro: il pusher finto povero espulso dal programma di sostegno

SENIGALLIA - Sospesa l’assistenza per il finto povero, il pusher che si faceva mantenere dal Comune e che, grazie all’attività illecita, aveva a disposizione una somma ingente di denaro. L’ente ha subito preso le distanze di fronte al grave reato contestato al 57enne, che da qualche tempo era stato inserito in un programma di reinserimento per chi come lui, non avendo un lavoro e una famiglia in grado di farsene carico, aveva bisogno di un sostegno.

LEGGI ANCHE:
Ascoli, la Cosap sotto l'albero di Natale: si torna a pagare dopo anni per i passi carrabili

Morirono nell'esondazione: il reato è prescritto, ma ci saranno risarcimenti milionari

Il Comune, tramite i servizi sociali, gli aveva garantito una prima assistenza collocandolo in una stanza del residence, la cui retta era a carico delle casse comunali. Tutti i senigalliesi pagavano l’assistenza allo spacciatore che riforniva di hashish e cocaina le zone del Foro Annonario, del parterre della Rocca e anche altre, recando un danno al Comune, da tempo impegnato per combattere lo spaccio nei luoghi del centro storico. Nella sua stanza hanno trovato infatti 20mila euro in contanti, circa un chilogrammo tra hashish e cocaina, oltre ad un bilancino e tutto il materiale necessario al confezionamento. Attualmente si trova a Montacuto ma quando uscirà, se ciò accadrà, non potrà più contare sul sostegno del Comune. 

Ultimo aggiornamento: 13:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA