Ascoli, la Cosap sotto l'albero di Natale: si torna a pagare dopo anni per i passi carrabili

Ascoli, la Cosap sotto l'albero di Natale: si torna a pagare dopo anni per i passi carrabili
Ascoli, la Cosap sotto l'albero di Natale: si torna a pagare dopo anni per i passi carrabili
3 Minuti di Lettura
Martedì 12 Novembre 2019, 10:34

ASCOLI - È in arrivo la strenna prenatalizia di Palazzo San Filippo per migliaia di cittadini della provincia picena. Si tratta degli avvisi di pagamento per il rispolverato canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche per accessi carrabili o pedonali, meglio noto come Cosap. Proprio in questi giorni la Provincia ha, infatti, affidato il servizio di invio delle comunicazioni ai cittadini specificando che il balzello dovrà essere pagato entro il prossimo 15 dicembre. Si concretizza, dunque, come già anticipato nello scorso mese di giugno, il ritorno del balzello provinciale che è stato riattivata in maniera ufficiale alla luce di un Piano di riequilibrio dell’ente che, secondo quanto confermato anche dalla recente relazione della Corte dei Conti, resta ancora in una fase di criticità con un buco da tamponare di circa 600 mila euro ogni anno. 

Plastic Tax, nel mirino 497 aziende marchigiane con 9182 addetti

Pesaro, caccia ai furbetti della tassa rifiuti: partono accertamenti per recuperare un milione e mezzo


Ed ecco, dunque, dopo anni di silenzio, con il congelamento del canone in questione, il ritorno delle letterine ai titolari di passi carrabili e pedonali e per gli accessi agricoli sul territorio piceno. Con la determina di affidamento del servizio per spedire gli avvisi di pagamento Cosap, si dà il via ufficiale all’iter che dovrà portare, come detto, i residenti nel Piceno che utilizzino passi carrabili o pedonali e accessi agricoli a pagare il balzello tornato in vigore entro il prossimo 15 dicembre. E nello stesso atto amministrativo relativo al servizio di elaborazione, stampa, imbustamento e spedizione dei bollettini Cosap per l’ anno 2019, si motiva il procedimento con «l’urgenza di provvedere alla riscossione di tale canone per garantire gli equilibri di cassa e di competenza del bilancio annuale 2019».

© RIPRODUZIONE RISERVATA