Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morirono nell'esondazione: il reato è prescritto, ma ci saranno risarcimenti milionari

Civitanova, morirono nell'esondazione: il reato è prescritto, ma ci saranno risarcimenti milionari
Civitanova, morirono nell'esondazione: il reato è prescritto, ma ci saranno risarcimenti milionari
2 Minuti di Lettura
Sabato 16 Novembre 2019, 10:21

CIVITANOVA - Morirono nell’esondazione del fiume Ete Morto, il reato è prescritto, ma i parenti saranno risarciti. Il risarcimento, ancora di quantificare, sarebbe comunque superiore al milione di euro.
Lo hanno deciso mercoledì scorso i giudici della IV sezione della Corte di Cassazione all’attenzione dei quali è finito il procedimento a carico dell’ex sindaco di Sant’Elpidio a Mare Alessandro Mezzanotte accusato di omicidio colposo per le vittime provocate dall’esondazione del fiume.

LEGGI ANCHE:
Ancona, schiamazzi e ubriachi su quella scalinata: i residenti potestano, i carabinieri trovano l'hashish

Vandali scatenati in centro: sfondano a calci la porta di una casa e la devastano


Era l’alba del 2 marzo 2011 quando la Bmw sulla quale viaggiavano Giuseppe Santacroce, Valentina Alleri e Salvina Granata (mamma di Valentina e compagna di Giuseppe), fu travolta mentre cercava di imboccare via Cavour, a Casette d’Ete, proprio nel momento di massima piena del corso d’acqua. I tre dovevano recarsi al lavoro alla Eurosuole e tentavano di raggiungere Civitanova quando l’ondata di fango superò il livello del ponte, allargandosi alle vie limitrofe fino ad inghiottire la Bmw guidata da Santacroce. Si salvò solo Salvina Granata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA