Sassoferrato, recupero batticuore sul pendio dei forestali della finta colomba

Martedì 26 Novembre 2019
Recupero batticuore sul pendio dei forestali della finta colomba

SASSOFERRATO - Una colomba lega Perugia al sentinate. Una colomba gigante di polistirolo di un metro e mezzo di diametro agganciata ad un grappolo di 150 palloncini colorati. È stata lanciata in segno di pace dalla Pro Loco di Colombella vicino a Ponte Felcino per la 31esima volta l'8 settembre scorso durante la 44esima festa del paese e ritrovata a circa mille d'altitudine sopra al paese di Baruccio, sullo Strega, dai carabinieri forestali della stazione di Sassoferrato nella serata del 23 settembre dopo ore di ansia. Con la sua testa tonda, le ali che sembravano braccia e la plastica coloratissima tutt'intorno da lontano sembrava proprio un uomo caduto con il suo parapendio. Pertanto, i carabinieri forestali sono andati in soccorso arrampicandosi sul ripidissimo pendio.

LEGGI ANCHE:

Denunciati due bracconieri: avevano animali imbalsamati e un'arma clandestina

Cani con collare elettrico: denunciati i proprietari dai Carabinieri Forestali

Due ore di faticosa salita con svariati scivoloni, fino a raggiungere i luoghi dell'incidente e scoprire che era una sagoma in polistirolo. Roba da multare per abbandono dei rifiuti se non ci fosse un biglietto che pregava di riconsegnare la colomba. Ad accogliere i carabinieri forestali sentinati e il sindaco Maurizio Greci durante la cerimonia di riconsegna sabato 17 novembre il sindaco di Perugia Andrea Romizi e l'assessore alla cultura Leonardo Varasano. A primavera, la Pro di Colombella è stata invitata a Sassoferrato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA