Strani pic-nic in centro, la polizia prosegue i controlli e identifica 15 giovani

Martedì 23 Novembre 2021
Strani pic-nic in centro, la polizia prosegue i controlli e identifica 15 giovani

OSIMO  - Non solo l’intervento ai bagni del loggiato comunale. La polizia nel weekend ha svolto diversi controlli in centro storico e in zone periferiche ritenute più in balia delle scorribande di baby gang.

 

Gli uomini del commissario Stefano Bortone hanno svolto sopralluoghi in vicolo Buon Villano e all’ex lavatoio di Porta Musone, sotto ai Tre Pini, dove erano state segnalate in passato situazioni di degrado, con giovani intenti a consumare droghe leggere, a ubriacarsi fino a vomitare e a volte anche a fare sesso all’aria aperta incuranti delle vicine abitazioni. Se qui non sono stati trovati ragazzi a fare bisboccia, al mercato coperto invece gli agenti ne hanno identificati 15 intenti a consumare cibo e bevande lungo le scale che scendono alle grotte di via Fonte Magna, altra zona che di recente era stata segnalata come ricettacolo di degrado dovuto ad adolescenti irrispettosi del senso civico. Un altro blitz è scattato a Osimo Stazione, in via Crispi, dove negli ultimi tempi i residenti avevano segnalato strani ritrovi di giovani centauri, tutti minorenni già identificati. 


Questa volta non c’erano: sembra dunque che le corse sprint con gli scooter siano state sospese visti i riflettori puntati in quella zona industriale. Infine intervento a Casenuove su richiesta di una donna che stava litigando col marito in preda all’alcol. Vista una precedente denuncia per maltrattamenti in famiglia, gli agenti sono subito corsi nella frazione per sedare gli animi tra i due coniugi di origini nordafricane. L’uomo alla vista della polizia si sarebbe frenato, evitando nuove denunce. 


L’amministrazione comunale intanto è in attesa del via libera della Prefettura sul progetto di implementazione della videosorveglianza con 34 nuove spycam, alcune delle quali andranno a coprire proprio le zone controllate nello scorso fine settimana dalla polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento