Bimba ferita dopo il tuffo in piscina: gestori condannati a pagare il risarcimento

Giovedì 6 Febbraio 2020
Loreto, bimba ferita dopo il tuffo in piscina: gestori condannati a pagare il risarcimento

LORETO - Bimba si tuffa dal bordo della piscina e sbatte la testa sul fondo: condannata l’associazione sportiva che gestiva l’impianto. Alla famiglia della minorenne, 12enne all’epoca dei fatti e rappresentata dall’avvocato Gabriele Galeazzi, andranno 5.869 euro per il trauma conseguente alla caduta, avvenuta il 6 dicembre del 2013, in una piscina di Loreto.

LEGGI ANCHE:
La testata dell'arbitro al portiere? Ecco la squalifica per due anni che ribalta tutto

Ascoli, si accascia colpito da un malore: avvocato salvato da un commerciante

La sentenza è stata emessa martedì dal giudice civile che ha, dunque, stabilito la responsabilità dell’associazione. Quando è avvenuto il fatto, la 12enne era nel bel mezzo di un corso di nuoto. Si era tuffata da un gradino alto una quarantina di centimetri e con la caduta – secondo quanto ricostruito – aveva sbattuto il capo sul fondo. Era stata portata al Salesi dove i medici avevano diagnosticato un trauma distrattivo cervicale guaribile in 7 giorni. Era poi dovuta tornare al pronto soccorso una seconda volta per i dolori che persistevano. L’associazione sportiva ha resistito al giudizio ritenendo che la minore avesse agito colposamente: la caduta sul fondo sarebbe stato originata da un movimento scomposto. Per la difesa, invece, il gestore di un centro sportivo ha una posizione di garanzia, che gli impone di adottare le necessarie cautele per preservare l’incolumità fisica degli utenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA