Ladro al supermercato nasconde
gli oggetti dietro a un cespuglio: scoperto

Ladro al supermercato nasconde gli oggetti dietro a un cespuglio: scoperto
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Ottobre 2019, 07:45

SENIGALLIA - Ruba al supermercato, nasconde la refurtiva in un cespuglio poi torna indietro ma viene bloccato. È stato così denunciato un 58enne della provincia di Ancona che ieri mattina si è impossessato di un paio di articoli all’interno dell’Ipercoop senza passare alla cassa. I carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile di Senigallia al termine degli accertamenti l’hanno denunciato per furto aggravato.

 

Una “gazzella” dei carabinieri del pronto intervento è intervenuta all’Ipercoop dove il personale della sicurezza interna aveva notato una uomo che, dopo aver prelevato alcuni oggetti - dagli scaffali, era uscito dal supermercato dal passaggio riservato ai visitatori senza acquisti. 

Dopo alcuni minuti, sempre lui era tornato al supermercato e, nella circostanza, il personale della sicurezza interna gli aveva contestato il mancato pagamento della merce sottratta poco prima. I carabinieri sono subito arrivati e dopo un immediato sopralluogo hanno rinvenuto, nei pressi dell’uscita esterna, occultati tra i cespugli di un’aiuola del parcheggio, i prodotti commerciali asportati. Si tratta di un capo di abbigliamento e un piccolo elettrodomestico per l’igiene per un valore complessivo poco inferiore a 100 euro. Entrambi sono stati subito restituiti al supermercato da cui erano stati asportati. L’uomo è stato denunciato in stato di libertà per il reato di furto aggravato. A confermare quanto accaduto anche i filmati delle telecamere presenti all’interno del supermercato e del centro commerciale, che hanno ripreso il 58enne prelevare i due articoli ed uscire, come nulla fosse, dal passaggio riservato a chi non fa acquisti. L’occhio elettronico l’ha accompagnato fino all’esterno dove ha nascosto la refurtiva per poi tornare indietro. Non è chiaro con quale intento, forse per prelevare anche altro. Non è stato appurato perché una volta rientrato è stato subito fermato dagli addetti alla sicurezza, che lo avevano osservato attentamente dai monitor con cui sono collegate le telecamere. È stato bloccato fino all’arrivo dei carabinieri, nel frattempo allertati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA