La Lube è tornata in palestra, ma di giocare non se ne parla

Lunedì 13 Luglio 2020
La Lube festeggia una delle sue vittorie
CIVITANOVA -  La Lube ha iniziato  la  preparazione pre campionato. Anche se si cerca di rendere tutto il più possibile normale e naturale, è inevitabile che lo spettro del Covid 19 aleggi su tutto l’ambiente. La prudenza non è mai troppa ed è per questo che sia i dirigenti che lo staff vigilano costantemente sul comportamento degli atleti e come  si raccomandano con i giocatori di  limitare i contatti quando sono lontani dal luogo del lavoro.
Intanto è salito in cattedra il professor Merazzi. Il preparatore atletico dei cucinieri,  tornato finalmente, nella sua tana. In sala pesi. In questa prima settimana di preparazione sono equamente distribuite le mattine tra la sala pesi e l’atletica. Nel pomeriggio, invece, la palla passa a Fefè De Giorgi ed al suo staff per la fase di lavoro tecnico. Oltre alla domenica, lo staff concederà tre pomeriggi di riposo: oggi, giovedì e sabato. Il tutto in osservanza dei protocolli che non lasciano molto spazio al gioco di squadra. La preparazione della Lube durerà indicativamente nove settimane con un progressivo allentamento della parte fisica in favore di quella tecnica. Non sono state programmate ancora amichevoli dal momento che il protocollo federale è ancora troppo rigido per poter consentire la disputa del sei contro sei. Fefè De Giorgi ha comunque preparato ed ideato degli esercizi di tecnica per iniziare a dare ritmo ai propri giocatori in attesa che si aggreghino al gruppo anche i due assenti, i cubani Yant e Simon, da ieri agli ordini dello staff ci sono  dodici giocatori. I palleggiatori: Falaschi e De Cecco, i liberi Balaso e Marchisio, gli schiacciatori Kovar, Leal e capitan Juantorena, i centrali Anzani, Diamantini e Larizza, i due opposti Rychlicki e Hadrava.
© RIPRODUZIONE RISERVATA