Uova colorate fai-da-te per celebrare la primavera. Ecco come trovare in cucina gli ingredienti per i decori

Domenica 21 Marzo 2021 di Veronica Angeletti
Le uova colorate per festeggiare la primavera

ANCONA - Uova, ovetti, ovoni. Riempiamone la casa. Perché l’uovo è simbolo della rinascita, della fecondità ma anche perché semplicemente porta bene. È un’usanza persiana nata cinquemila anni fa che si celebrava a primavera.

 

Un’idea che perfezionarono gli antichi romani che seppellivano un uovo rosso vivo nei campi per propiziare un buon raccolto. Poi, il cristianesimo vide nell’uovo il simbolo del Sepolcro, che è vuoto ma che rappresenta la rinascita dopo la morte.


La svolta in Francia
L’uovo dipinto nacque esattamente nel 1176, quando Luigi VII, di ritorno in Francia dopo la seconda crociata, ne ottenne in gran quantità tra i tributi delle terre dell’Abbazia di Saint Germain des Prés. Uova che qualcuno pensò di far colorare e di regalare al popolo per festeggiare il ritorno del re. Divenne un’usanza che si estese a tutto l’Occidente come regalo alla servitù. Però nel ceto sociale più abiente, nel Medioevo, iniziò il dono delle uova artificiali preziosi, in oro. Edoardo I d’Inghilterra, XIII secolo, aveva l’abitudine di farne realizzare a centinaia da regalare in occasione della Pasqua. Massima espressione di quest’usanza saranno le uova di Peter Carl Fabergé, che alla fine dell’Ottocento realizzò le uova più celebri del mondo. Quanto a quelli di cioccolato? Nascono nel XVIII secolo, per merito dei fratelli Fry che inventarono una pasta molle, una miscela di zucchero, burro di cacao e cioccolato in polvere che inserivano nelle uova svuotate. Poi, arrivò il primo stampo realizzato a Parigi nel 1870.

LEGGI ANCHE

Zona rossa e arancione, dagli spostamenti agli amici e ai negozi: cosa si può fare nel weekend

Vaccino, Burioni: «Se fate AstraZeneca, no a terapie preventive, rischiate danni gravi»


Cosa serve
In commercio, ci sono appositi colori ad uso dei bambini per decorare le uova di Pasqua ma anche in natura, anzi nella dispensa, abbiamo tutto l’occorrente. Innanzitutto, scegliere se si preferisce lavorare con uova svuotate o uova sode. Le seconde sono molto più resistenti. Per chi vuole lavorare solo con i gusci, fare un piccolo foro, infilare una siringa e aspirarne il contenuto. In alternativa, due fori, uno sopra e uno sotto, e svuotarlo soffiando con energia.Mentre le uova sode si cuoceranno mentre si tingono. Strofinare di aceto le uova, far bollire dell’acqua con dentro il materiale colorante e un cucchiaio di aceto, aggiungere le uova una volta raggiunto il punto di ebollizione, lasciare cuocere 12 minuti e ritirarli. Lucidare con dell’olio di semi o d’oliva per farli brillare.


Le varie tinte
Per le varie tonalità di giallo usare lo zafferano, la curcuma, lo zenzero o fiori di camomilla. Per l’arancione, la paprika e le bucce di cipolla. Il marrone, si ottiene con il tè nero, il cacao e il caffè. Il rosso e anche il rosa, a secondo della quantità, con la barbabietola rossa (cotta), il karkadè o il cavolo rosso. Il verde è assicurato con gli spinaci o anche il prezzemolo, ma ci vuole una bella quantità. Il viola con il vino rosso o il succo d’uva e il blu con il radicchio o i mirtilli. Sfruttare i vari bagni per intensificare le sfumature.

© RIPRODUZIONE RISERVATA