La candida “Madonna di Loreto” di Raffaello al centro di una mostra che si inaugura al Museo Pontificio Santa Casa

Mercoledì 14 Luglio 2021 di Lucilla Niccolini
La Madonna di Loreto di Raffaello

LORETO - Il velo bianco che Maria, giovane e bellissima, solleva sulla testolina del Bambino ridente, nel quadro “La Madonna di Loreto” di Raffaello, è il simbolo della mostra, che si inaugura oggi al Museo Pontificio Santa Casa. L’evento espositivo, infatti, è finalizzato a “sollevare il velo” sulla complessa vicenda di quest’opera. “La Madonna di Loreto di Raffaello - Storia avventurosa e successo di un’opera”, s’intitola la mostra che, rinviata più volte a causa della pandemia, resterà aperta a Loreto fino al 17 ottobre. “La Madonna del Velo” è il titolo originale del dipinto raffaellesco, che più di altre sue opere ha avuto circa un centinaio di repliche, e ancora più riproduzioni a disegno e incisione. Dell’originale, già esposto nella chiesa di Santa Maria del Popolo a Roma, fu fatta una pregevole replica, per essere donata al Santuario della Santa Casa. Collocata nella Sala del Tesoro nel 1717, vi rimase fino a una data attorno al 1797, quando probabilmente fu trafugata dai Napoleonici. Il motivo del dono, come il secondo titolo dell’opera, deriva dal fatto che il dipinto raffigura la Sacra Famiglia – Madre e Figlio in primo piano, e un anziano san Giuseppe alle spalle di Maria – nella capanna di Nazareth, la stessa che, traslata a Loreto, è diventato il cuore della Basilica, mèta di pellegrinaggi. Per raccontare la storia di questa iconografia raffaellesca, la mostra, con la supervisione e il contributo dei Musei Vaticani, ha una struttura singolare, di particolare fascino. Tre sono le tappe in cui si articola: in una prima sala viene ricostruita e illustrata filologicamente la storia della committenza dell’opera di Raffaello; segue, nel Salone degli Svizzeri, un contesto in cui, grazie a una multivisione immersiva, il visitatore “entra” nell’anima del dipinto e delle sue riproduzioni. Alcune sono presenti in mostra, mentre altre sono proposte con la realtà virtuale. I dettagli più affascinanti di alcune opere saranno rivelati, infine, nella terza sala, da un enorme schermo, ad altissima definizione. 
Il pubblico sarà così in grado, grazie alla tecnologia interattiva touchless, di richiamare, a sua scelta, puntando la mano da lontano, i contenuti della mostra. Si avrà così l’impressione di “toccare l’opera”, e di conoscerne i segreti più intimi. È targata Made in Marche, la tecnologia innovativa, che permette una visita così dettagliata, e insieme emozionante. Si deve al multivision designer Paolo Buroni e al team della Stark di Cagli. Il sostegno della Regione Marche, con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto e Banca Generali, ha reso possibile questo evento, che ci si augura di forte impatto sul turismo estivo a Loreto e nella nostra regione. Sarà il delegato pontificio e arcivescovo di Loreto, monsignor Fabio Dal Cin, assieme al presidente della Regione, Francesco Acquaroli, e al direttore dei Musei Vaticani, Barbara Jatta, a inaugurare l’esposizione, oggi alle 17. Resterà aperta, da domani, tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Al prezzo di 8 euro, i biglietti sono acquistabili al Museo Pontificio Santa Casa oppure online sul nuovo sito www.museopontificioloreto.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA