Covid, Burioni: «Con la variante inglese 2 metri di distanza al chiuso non bastano»

Venerdì 16 Aprile 2021
Covid, Burioni: «Con la variante inglese 2 metri al chiuso non bastano»

Dovremmo tutti allontanarci ancora un po' di più. Perché se si vuole stare alla larga dalla variante inglese non sarebbero sufficienti i due metri di distanza in un luogo chiuso. È il parere del virologo Roberto Burioni: «Mentre si discute di riaperture, facciamo chiarezza su un punto fondamentale - ha voluto precisare su Twitter il docente dell'università Vita-Salute San Raffaele di Milano -. Con la dominanza della variante inglese del virus, all'interno di un luogo chiuso e non adeguatamente ventilato la distanza di 2 metri non è in alcun modo sufficiente per impedire il contagio».

Red Ronnie attacca Burioni: «Sei legato a interessi economici»: il virologo lo denuncia ma per il giudice «non c'è reato»

«Quando dico che all'aperto il contagio è molto più difficile - continua Burioni - non significa che è impossibile. E poi l'affermazione non è valida se siete all'aperto e, per esempio, vi state baciando in camporella». Già nei giorni scorsi Burioni si era dichiarato favorevole alla riapertura di bar, ristoranti e teatri cavalcando i dati che indicano «che il contagio all'esterno è molto raro. A me - aveva detto il virologo - non dispiacerebbe cenare fuori o assistere a un concerto con il cappotto». Presto potrebbe essere accontentato.

Covid, l'epidemia arretra: cala ancora l'indice Rt ma Sardegna e Sicilia in controtendenza

 

 

Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 08:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA