Variante giapponese resiste al vaccino? Burioni: «Pfizer sembra efficace»

Domenica 4 Aprile 2021
Variante giapponese resiste al vaccino? Burioni: «Pfizer sembra efficace»

Circa il 70% dei pazienti con Covid testati in un ospedale di Tokyo il mese scorso, aveva contratto la malattia nella forma di una variante che potrebbe ridurre soltanto in parte la protezione fornita da alcuni vaccini. La mutazione E484K, soprannominata "Eek" da alcuni scienziati, è stata trovata in 10 delle 14 persone che sono risultate positive al virus al Tokyo Medical and Dental University Medical Hospital a marzo, si legge nel nuovo rapporto giapponese.

Le domande, naturalmente, ora sono tutte legate all'efficacia dei vaccini nei confronti alla «variante giapponese». Spiega in un tweet il professor Roberto Burioni, professore di Virologia all’Università San Raffaele di Milano: «La variante B.1.351 (sudafricana) contiene la mutazione E484K (Eek) della quale tanto sentite parlare in questi giorni. Il vaccino Pfizer sembra essere molto efficace contro di essa».

 

 

 

Vaccini, la rincorsa della Cina all'immunità di gregge: uova e buoni spesa per convincere gli scettici

 

Per i due mesi fino a marzo, 12 dei 36 pazienti Covid hanno portato la mutazione, e nessuno di loro ha recentemente viaggiato all'estero o segnalato contatti con persone che lo hanno avuto.

 

 

In vista delle Olimpiadi estive che dovrebbero iniziare a luglio, il Giappone è alle prese con una nuova ondata di infezioni. Gli esperti sanitari sono particolarmente preoccupati per la diffusione di ceppi mutanti, mentre le vaccinazioni su larga scala della popolazione non sono ancora iniziate.

 

 

Venerdì sono state segnalate 446 nuove infezioni a Tokyo, anche se è ancora ben al di sotto del picco di oltre 2.500 a gennaio.

 

Vaccino, Cile diventa primo al mondo per numero di immunizzati: vaccinate 4.200.000 persone, battuto anche Israele

 

Record di casi

 

A Osaka, sono stati segnalati 666 casi record. Gli esperti sanitari hanno espresso preoccupazione per la diffusione in quella metropoli occidentale di un ceppo mutante noto per essere emerso in Gran Bretagna.

 

Covid, Locatelli: «Ritorno delle zone gialle a maggio, a luglio ci sarà la vera svolta. Troppi di noi minacciati»

Covid, scoperta una nuova variante in Italia, mix tra nigeriana e inglese ma non sembra essere più letale o più contagiosa

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 09:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA