Umberto Carriera, si allungano i guai giudiziari: andrà 6 volte in Tribunale a Pesaro nei prossimi mesi

Umberto Carriera, si allungano i guai giudiziari: nei prossimi mesi 6 volte in Tribunale a Pesaro
Umberto Carriera, si allungano i guai giudiziari: nei prossimi mesi 6 volte in Tribunale a Pesaro
3 Minuti di Lettura
Sabato 3 Settembre 2022, 04:05 - Ultimo aggiornamento: 14:42

PESARO - L’autunno caldo del leader di #IoApro Umberto Carriera. Da qui a qualche settimana dovrà affrontare ben sei processi tra istruiti o in itinere. Archiviata la possibile esperienza politica con Vittorio Sgarbi candidato con il centrodestra, Carriera deve affrontare la fase giudiziaria che lo vedrà protagonista come imputato. E’ lui stesso a sottolinearlo specificando anche di «non avere e non volere copertura politica».  


L’agenda


Per lui si aprono (nuovamente) le porte di palazzo di giustizia: «Nei prossimi mesi - ha scritto sulla sua pagina social - andrò a processo per ben sei volte». Tra i casi giudiziari in itinere si annoverano le cause con Conte, Draghi, il ministro Speranza per varie diffamazioni che gli sono state contestate. Ma rimanendo sul locale c’è l’udienza che vede il direttore della Confcommercio di Marche Nord Amerigo Varotti parte offesa e che Carriera avrebbe diffamato sui social definendolo di «ignoranza fuori dal comune». Poi il caso nei confronti del commissario di Polizia Paolo Badioli. Il ristoratore è accusato di aver diffuso un video e audio carpito in maniera fraudolenta, durante i controlli in una serata in cui il suo ristorante non sarebbe dovuto rimanere aperto. 


I precedenti


Video che ha scatenato insulti e offese al poliziotto. Nel capo di imputazione, la procura accusa Carriera di aver dichiarato falsamente che nessun poliziotto si era identificato, e avrebbero agito “con arroganza”. A rispondere in concorso per la diffamazione e di diffusione di video realizzati fraudolentemente anche “l’operatrice” Clarissa Rosselli. Poi c’è il processo in cui Carriera viene accusato di simulazione di reato. Il caso riguarda la frase che aveva rilanciato sui propri canali social. «Se domani apri ti facciamo male. Sappiamo dove va all’asilo tuo figlio». Era gennaio 2021 e il ristoratore portava avanti la sua battaglia di lasciare aperti i ristoranti nonostante il governo avesse imposto le chiusure per contenere il contagio da coronavirus. Per l’accusa quelle minacce sarebbero inventate perchè partite dall’account de “La Macelleria”, uno dei suoi ristoranti. Lui parla di «un equivoco da chiarire. Contestiamo gli addebiti perché era un momento in cui ero sotto attacco sui social. Erano stati creati altri profili fake che volevano danneggiarmi». Infine risulta uno dei 19 manifestanti che hanno ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini per l’assedio sotto casa del sindaco Matteo Ricci del 28 luglio 2021, al termine di un corteo autorizzato alla Palla contro il green pass e restrizioni anti Covid. I manifestanti avevano poi deviato radunandosi sotto casa di Ricci in centro, minacciando la sua famiglia e costringendo moglie e figli a non uscire di casa. Gli indagati avrebbero usato toni intimidatori e minacciosi mentre qualcuno si era attaccato al campanello. 


I fatti


Un assalto che ha gettato nel terrore la famiglia di Ricci. Si parla quindi di un corteo non autorizzato ma soprattutto di minaccia e violenza privata aggravate per cui si prepara il rinvio a giudizio. Non perde però l’atteggiamento spavaldo Carriera che, annunciando i suoi prossimi sei iter giudiziari, commenta: «Questo mi fa capire che sono dalla parte giusta, ed affronterò tutto a testa alta. Sono un uomo libero sempre e non part time come qualcuno. Costi quel che costi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA