Pesaro, tanti furti ma pochi volontari
per attivare il "Controllo di vicinato"

Pesaro, tanti furti ma pochi volontari per attivare il "Controllo di vicinato"
1 Minuto di Lettura
Giovedì 28 Luglio 2016, 12:06

PESARO - Controllo di vicinato, affinché il progetto di volontariato di sicurezza sociale possa partire è necessario che quartieri e cittadini facciano squadra. E’ questo il senso dell’incontro, promosso dall’Amministrazione comunale con la partecipazione del responsabile del progetto nazionale. Al tavolo dell’incontro, che si è tenuto l’altra sera a Palazzo Gradari, Mila Della Dora, assessore alla Sicurezza, il comandante della polizia municipale, Gianni Galdenzi, il consigliere comunale Pd, Marco Perugini, Pierpaolo Frega, del sindacato di polizia Silp-Cgil, e la consigliera comunale di Siamo Pesaro, Roberta Crescentini, che con una mozione votata all’unanimità in consiglio, ne ha proposto l’attivazione.
Peccato che all’assemblea sia mancata proprio la partecipazione dei cittadini, ovvero proprio di coloro che alla formazione del Comitato sono direttamente interessati, anzi, che ne caldeggiavano l’attivazione fino a poche settimane fa a fronte dei ripetuti allarmi furti. Invece martedì sera il pubblico che dovrebbe rappresentare le sentinelle di vicinato era sparuto. In platea presenti soprattutto consiglieri comunali, qualche esponente politico o di associazione, alcuni consiglieri di quartiere ma soprattutto, ha sottolineato - un po’ dispiaciuta - l’assessore Della Dora, non erano presenti le autorità della pubblica sicurezza, dalla Prefettura alla Questura ai Carabinieri, alle quali comunque era stato inoltrato l’invito. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA