Patrizia Cantori raggiunge la sua Sofia
"mamma coraggio" vinta dalla malattia

Patrizia Cantori raggiunge
la sua Sofia: "mamma
coraggio" vinta dalla malattia
di Stefano Mascioni
PESARO - Mamma coraggio ha raggiunto la sua amata Sofia. Giovedì sera, Patrizia Cantori si è arresa alla leucemia contro cui lottava da tempo, ma che non le ha impedito fino all’ultimo di dedicarsi alla sua missione: migliorare le condizioni di vita dei disabili. Perché mai la definizione di “mamma coraggio” è stata più appropriata: Patrizia Cantori ha combattuto tutta la sua vita come una guerriera instancabile sfidando la vita e le sue avversità.
Non si è mai arresa al dramma che ha sconvolto la sua famiglia e l’amatissima figlia Sofia che, nata sana ma con una rarissima malformazione celebrale, all’età di 3 anni e mezzo è stata condannata da un’emorragia, che all’improvviso, da un giorno all’altro, le ha praticamente tolto la vista, la parola, la mobilità. Una maledizione che avrebbe scoraggiato chiunque, ma che ha invece unito il babbo Walter Rondina e mamma Patrizia in una lotta assoluta, che rendesse la vita di Sofia la migliore e la più dignitosa possibile. Un impegno autentico, inarrestabile, contagioso, che ha vissuto pagine di umanità vera.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 14 Luglio 2018, 11:02 - Ultimo aggiornamento: 11:32